Secondo la portavoce "Navalny sta morendo". Appello di scrittori e Nobel

Carlo Renda
·Vicedirettore HuffPost
·1 minuto per la lettura
MOSCOW, RUSSIA - FEBRUARY 20, 2021: Russian opposition activist Alexei Navalny during an offsite hearing of the Moscow City Court into his appeal against the court ruling to convert his suspended sentence of three and a half years in the Yves Rocher case into a real jail term, at the Babushkinsky District Court. Video screen grab/Moscow City Court Press Office/TASS A STILL IMAGE TAKEN FROM VIDEO PROVIDED BY A THIRD PARTY. EDITORIAL USE ONLY  (Photo by Moscow City Court\TASS via Getty Images) (Photo: Moscow City Court via Getty Images)
MOSCOW, RUSSIA - FEBRUARY 20, 2021: Russian opposition activist Alexei Navalny during an offsite hearing of the Moscow City Court into his appeal against the court ruling to convert his suspended sentence of three and a half years in the Yves Rocher case into a real jail term, at the Babushkinsky District Court. Video screen grab/Moscow City Court Press Office/TASS A STILL IMAGE TAKEN FROM VIDEO PROVIDED BY A THIRD PARTY. EDITORIAL USE ONLY (Photo by Moscow City Court\TASS via Getty Images) (Photo: Moscow City Court via Getty Images)

“La gente di solito evita la parola ‘morire’. Ma ora Alexey sta morendo. Nelle sue condizioni, è una questione di giorni”. Lo ha scritto su Twitter la portavoce di Alexey Navalny, Kira Yarmish.

Rischia l’arresto cardiaco e problemi gravi della funzione renale “in ogni momento” dato che ha una concentrazione eccessiva di potassio nel sangue (7,1 millimoli per litro, quando la soglia massima è 6), ha denunciato in una lettera al Servizio penitenziario federale il suo medico, Anastasia Vasilyeva insieme a tre colleghi, fra cui un cardiologo. I medici chiedono di poter vedere immediatamente Navalny che deve essere visitato immediatamente “considerati i risultati dei suoi esami del sangue e il suo recente avvelenamento”.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Più di 70 celebrità in tutto il mondo hanno firmato una lettera aperta al presidente russo Vladimir Putin chiedendo assistenza medica “immediata” per “Come cittadino russo ha diritto legale a essere visitato e curato da un medico di sua fiducia”, si legge nell’appello. Fra i firmatari, la scrittrice, JK Rowling, i tre Nobel per la letteratura, Herta Mueller, Louise Gluck e Svetlana Alexievich, gli attori Benedict Cumberbatch e Kristin Scott Thomas e gli storici Niall Ferguson e Simon Schama.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.