Secondo la scienza, chi ha figli è più felice (ma solo quando se ne vanno via di casa)

HuffPost

Chi ha figli è più felice di chi non li ha, ma solo quando se ne vanno via di casa. A riportare la notizia è Huffington Post France

I ricercatori dell’università di Heidelberg - utilizzando un campione di 55,000 genitori (di 50 anni o più) provenienti da 16 paesi europei - hanno notato che coloro che hanno figli adulti e fuori casa sono più soddisfatti.  

I risultati mostrano che tra 0 (totalmente insoddisfatto) e 10 (totalmente soddisfatto) i genitori con figli fuori casa sono per lo 0,02 e 0,56 più soddisfatti della media. 

“Le nostre analisi mostrano una correlazione positiva tra il livello di soddisfazione e il fatto che i figli siano fuori casa” scrivono gli autori dello studio. 

Christoph Becker, uno dei ricercatori, ha spiegato all’Independent che nonostante la differenza sia poca, i figli comunque hanno un impatto sul benessere delle persone. “Chiaramente non si tratta di una grande differenza nei risultati, ma bisogna anche considerare che il campione era molto grosso. Possiamo quindi constatare che nonostante i figli non siano la prima fonte di felicità, hanno comunque un grosso impatto sul livello di soddisfazione delle persone”. 

Secondo Becker, il fatto che i figli abbandonino “il nido” diminuisce i livelli di stress nei genitori: iniziando a lavorare e diventando sempre più autonomi, i figli possono contribuire anche economicamente al benessere della famiglia. 

“Nonostante i risultati di studi fatti sull’essere genitori sono controversi e dipendono molto dall’età della popolazione studiata, siamo tutti d’accordo sul fatto che sistemi di supporto portano ad un maggiore livello di soddisfazione, che i rapporti aiutino a stare meglio”. 

Uno studio simile, condotto negli Stati Uniti e pubblicato nel 2018, ha trovato che i genitori tra i 50 e 70 anni, una volta che i figli se ne sono andati, hanno tra il 5 e il 6% in più di probabilità di essere felici, rispetto a chi ha ancora i figli in casa.  

Continua a leggere su HuffPost