Secondo volo dell’elicotterino Ingenuity su Marte

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 22 apr. (askanews) - L'elicottero Ingenuity della Nasa ha completato con successo il suo secondo volo su Marte il 22 aprile 2021.

Un volo di 51,9 secondi, sotto lo sguardo attento del rover Perseverance, posizionato poco lontano nel cratere marziano Jezero (e dei tecnici del Jet Propulsion Laboratory della Nasa, sulla Terra), centrando più obiettivi rispetto al primo volo del 19 aprile, come un'altitudine più elevata (circa 5 metri dal suolo marziano), una durata maggiore del volo e un movimento di traslazione laterale.

"I primi dati telemetrici ricevuti ci dicono che il volo ha soddisfatto le nostre aspettative - ha detto Bob Balaram, ingegnere capo del programma Ingenuity al Jpl - per ora abbiamo effettuato solo due voli su Marte, il che significa che c'è ancora molto da imparare durante il prossimo mese di test".

Per questo secondo volo al "Wright Brothers Field", l'"aeroporto" marziano intitolato ai Fratelli Wright su cui opera Ingenuity, il drone marziano è decollato autonomamente salendo fino a 5 metri, quindi, una volta stabilizzatosi in volo stazionario, il computer ha imposto ai rotori controrotanti una leggera inclinazione di 5 gradi, consentendo all'elicottero di spostarsi lateralmente di circa 2 metri.

"L'elicottero si è fermato e ha girato su se stesso puntando la sua telecamera in direzioni diverse - ha spiegato Havard Grip, capo pilota di Ingenuity - poi è tornato al centro della piazzola per riatterrare. Sembra semplice ma non lo è. Ci sono molte incognite su come pilotare un elicottero su Marte".