Segano le sbarre e si calano con le lenzuola, tre detenuti evasi

(Adnkronos) - “Verso le 5 di stamattina tre detenuti di origine albanese, dopo aver tagliato le sbarre della cella del carcere di Treviso in cui erano ospitati ed essersi calati con le lenzuola, si sono dati alla fuga. Due sono stati prontamente ripresi dalla Polizia penitenziaria, prima ancora che lasciassero l’istituto, l’altro è riuscito a far perdere le proprie tracce ed è allo stato ricercato dalla stessa Polizia penitenziaria e dalle altre forze dell’ordine. Il fuggiasco, 27enne, era trattenuto, su mandato d’arresto europeo, per tentato omicidio, rapina, detenzione di materiale esplosivo e altri reati connessi al traffico di stupefacenti, tutti commessi fuori dall’Italia”. Ne dà notizia Gennarino De Fazio, segretario generale della Uilpa Polizia Penitenziaria.

"Tutto questo restituisce, se ancora ce ne fosse bisogno e qualcuno non lo avesse capito, il quadro d’inefficienza, approssimazione e insicurezza in cui versano le carceri del Paese", denuncia. Di questo, sottolinea, "dovrebbero occuparsi il presidente del Consiglio, Mario Draghi, la ministra della Giustizia, Marta Cartabia, e il capo del Dap, Carlo Renoldi, di cui, in verità, non abbiamo notizia di tangibili interventi dal suo insediamento. Il resto sono solo declamazioni di principio e passerelle utili, forse, a raccogliere qualche consenso, ma non certo alla causa”.

Quella di oggi, ricorda poi il segretario generale del Sindacato Polizia penitenziaria, Aldo Di Giacomo "è purtroppo solo l’ultima di una lunga serie avvenuta nell’ultimo anno e mezzo: 8 evasioni da istituti penitenziari; 36 evasioni da permessi premio; 25 evasioni da lavoro all'esterno; 14 evasioni da semilibertà; 36 mancati rientri di internati. Tutte messe insieme, si sono triplicate".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli