1 / 14

COME FUNZIONANO

Questi dispositivi si presentano come una specie di "cuscinetto" da sistemare sotto il seggiolino del bimbo se acquistati a parte, oppure si tratta di sensori già integrati nei seggiolini. In entrambi i casi la cosa importante è che i segnali visivi e acustici si attivino automaticamente ad ogni utilizzo, senza ulteriori azioni da parte del conducente e che siano percepibili all'interno e all'esterno del veicolo. Come riporta "Altro Consumo", quelli integrati sono più pratici rispetto a quelli universali, ma potrebbero avere una durata più limitata perchè la batteria (non sempre facilmente sostituibile) si scarica dopo 3/4 anni. Quelli universali con un sensore sul seggiolino hanno il vantaggio di dare l’allarme immediatamente, prima che il genitore scenda dall’auto, escludendo ogni rischio di abbandono. (AP Photo/Mary Altaffer)

Seggiolino antiabbandono, tutto quello che c'è da sapere

Al via l’obbligo di dotare le auto che trasportano bambini di età inferiore ai 4 anni di seggiolini antiabbandono. Nasce così l’impellenza per i conducenti con bimbi a bordo di installare dispositivi che possono essere integrati all’interno dei seggiolini stessi, nelle automobili oppure indipendenti e acquistabili a parte.

LEGGI: Auto, scatta l'obbligo dei seggiolini antiabbandono

VEDI: Dispositivo salva-bimbi: ecco le specifiche