I segnali di un riavvicinamento che potrebbe addirittura sfociare in una leadership elettorale

Alessandro Di Battista e Giuseppe Conte
Alessandro Di Battista e Giuseppe Conte

Tiene banco in queste ore la telefonata fra Giuseppe Conte ed Alessandro Di Battista, un dialogo che sembra andare verso la candidatura alle elezioni del 25 settembre dell’ex “enfant prodige” del Movimento Cinquestelle tornato il primo agosto dal suo viaggio in Russia. Insomma, il ritorno di Alessandro Di Battista sembra farsi sempre più imminente anche se ancora subordinato ad una serie di variabili concrete.

La telefonata fra Conte e Di Battista

Dal canto suo Giuseppe Conte nel pomeriggio del 2 agosto, cioè con “Dibba” ancora con le valige da disfare, avrebbe avuto una telefonata. Quella telefonata è stata definita da fonti del M5s ad AdnKronos “franca e cordiale”. Ma di cosa hanno parlato i due? Della possibile candidatura di Di Battista alle elezioni, con l’ex grillino che però avrebbe chiesto garanzie politiche. Tutto questo mentre Conte, in un’intervista al Tg5 ha definito Di Battista una “persona seria e generosa”, aggiungendo che del “suo rientro nel M5S ne discuteremo”.

Le indiscrezioni e il “fattore Virginia”

Al momento, però, nulla sarebbe stato definito né deciso. Il mantra di Di Battista prima della caduta del governo Draghi era stato: “Il M5s esca dal governo prima dell’estate“. Adesso è successo, ma ci sono ancora ostacoli ed uno di questi potrebbe essere l’ex sindaca di Roma, Virginia Raggi. A lei era toccata la “scure” della mancata deroga alla regola dei due mandati.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli