Segre: se me la propongono sono pronta a guidare la commissione

Sen

Roma, 22 nov. (askanews) - "Se me la propongono, sono pronta a dire di sì". Lo afferma la senatrice a vita, Liliana Segre, in un'intervista al Corriere della sera, alla domanda se sia pronta a guidare la Commissione parlamentare da lei proposta.

"Sono stata in dubbio - ha aggiunto - e certo il calendario degli anni non va indietro. Ma io credo in questa Commissione, dunque spero di reggere".

"Sono esausta - ha aggiunto la senatrice in relazione alle polemiche di questi giorni -. Troppa esposizione, troppo odio, troppe polemiche, troppa popolarità, troppo tutto. Alla mia età mi trovo a condurre un'esistenza che non avrei mai immaginato".

"La Commissione che ho proposto - ha concluso Liliana Segre - non può giudicare nè censurare nessuno e non può cambiare le leggi. Si tratta di studiare un fenomeno di un problema per cui tutti, anche gli esponenti dell'opposizione, quando parlano a telecamere spente, si dichiarano allarmati. L'odio in rete dilaga. La convinzione di agire in una zona franca e nell'aninimato, sta producendo un imbarbarimento, una sorta di bullismo su larga scala, che le leggi esistenti non riescono a contenere".