Sei concerti in sei giorni: continua musica al Ravello Festival -3-

Red/Nav

Roma, 7 set. (askanews) - Sabato 14 settembre (ore 19) ultimo appuntamento con i concerti da camera della sezione "Nel Giardino di Klingsor". Nella Sala dei Cavalieri di Villa Rufolo il Gruppo Ocarinistico Budriese formato da Luca Quaglia, Fabio Galliani, Marco Venturuzzo, Emiliano Bernagozzi, Fulvio Carpanelli, Gianni Grossi e Alberto Ciarrocca.

L'ocarina fu inventata a Budrio, alle porte di Bologna, nel 1853 da un ragazzo di 17 anni di nome Giuseppe Donati. Da allora il nome di questo flauto globulare in terracotta è indissolubilmente legato a quello del paese nativo. Il Gruppo Ocarinistico Budriese (GOB), che nella sua attuale formazione è il risultato di un'evoluzione più che ventennale, ha raccolto l'eredità musicale dei complessi ocarinistici sorti nel tempo a Budrio, con particolare riferimento a quelli degli anni '20 e '30 diretti da Alfredo Barattoni. Al nucleo originale del gruppo si sono in seguito aggiunti musicisti di formazione classica portando il GOB in giro per il mondo e ad incidere vari CD. Come da sua tradizione il GOB eseguirà a Ravello brani classici e moderni arrangiati per questo particolare strumento. Il concerto sarà preceduto (ore 18) da una degustazione di vini a cura del Sannio Consorzio tutela vini, sponsor del Ravello Festival 2019.

www.ravellofestival.com. Boxoffice: tel. 089 858422 - boxoffice@ravellofestival.com