Sei etti di hashish e 20mila euro: due pusher arrestati a Milano

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 5 feb. (askanews) - Mercoledì scorso i poliziotti del commissariato Ticinese hanno arrestato a Milano due cittadini italiani di 25 e 26 anni per spaccio e sequestrato sei etti di hashish e circa 20mila euro in contanti. Lo ha riferito la questura del capoluogo lombardo spiegando che intorno alle 17 gli agenti hanno fermato un giovane che era appena uscito da uno stabile di via Binda dove sospettavano si spacciasse, e il ragazzo ha consegnato spontaneamente quattro panetti di hashish da 105 grammi ammettendo di averli appena acquistati.

I poliziotti hanno quindi fatto irruzione nell'abitazione sorprendendo i due mentre stavano tagliando 73 grammi di "fumo" sul tavolo della cucina. Nel corso della successiva perquisizione, gli agenti hanno trovato 16.200 euro nascosti in un armadio del corridoio, 3.300 nel marsupio del 25enne e 190 nel portafoglio del 26enne che sono stati sequestrati perché ritenuti provento di spaccio. Dopo alcuni accertamenti è emerso che il 25enne era residente in un'abitazione di via dei Pini a Pieve Emanuele, nell'hinterland di Milano, dove i poliziotti hanno trovato altri 24,5 grammi di hashish e duemila euro in contanti.

Infine, ieri mattina, il padrone dell'abitazione di via Binda che affitta l'abitazione per brevi periodi, ha chiamato la polizia perché, pulendo il frigorifero, aveva trovato 440 grammi di hashish nascosti in una scatola.