Sei regole d'oro per un profilo che sa farsi notare su Linkedin

webinfo@adnkronos.com

Le prime settimane di ottobre coincidono con l’inizio della stagione autunnale, le vacanze sono ormai un ricordo lontano, e lo stress e gli impegni della vita in ufficio iniziano ad incalzare i lavoratori di qualsiasi categoria professionale e livello di esperienza. Questi elementi rendono l’autunno un ottimo periodo per la ricerca di un nuovo lavoro, anche attraverso LinkedIn, il più grande network professionale online del mondo, dove, in termini di numero di posti di lavoro sulla piattaforma, l'autunno è uno dei periodi di punta dell'anno. 

Un team di esperti delle dinamiche di lavoro di LinkedIn ha per questo stilato una lista con 6 consigli chiave che i professionisti italiani e gli oltre 13 milioni di utenti LinkedIn in Italia possono seguire con il fine di cogliere al meglio nuove opportunità di lavoro: sono infatti oltre 20 milioni gli annunci di lavoro disponibili sulla piattaforma LinkedIn. 

Ed ecco le sei regole d'oro indicate da Linkedin per un profilo che sa farsi notare: 1) una buona foto, aiuta a rendersi più riconoscibili sulla piattaforma, sia ai contatti già consolidati sia per attrarre nuovi possibili 'peer' (contatti). La foto non deve essere perfetta, basta che risulti naturale. Se non si indossa un completo per il lavoro, è meglio non indossare un qualsiasi altro completo nella foto profilo. 2) posizione attuale; man mano che la propria carriera prosegue, è utile mantenere aggiornata la propria posizione lavorativa. E’ un elemento che aiuta a raccontare al meglio la propria storia professionale.  

3) Formazione e competenze: secondo gli esperti di LinkedIn, è fondamentale aggiungere informazioni sul proprio percorso formativo (scuola, università, master), così che i propri ex 'compagni di classe' possano trovarci più facilmente (e quindi creare nuove e proficue collaborazioni professionali). Importante inserire in maniera articolata l’elenco delle proprie competenze (hard skill e soft skill, come ad esempio la padronanza del pacchetto Microsoft Office, o spiccate capacità di vendita o relazionali), per mostrare i propri punti di forza. E’ consigliabile inserire almeno 5 competenze di base. 

4) Settore professionale e industriale: aggiungere il settore professionale e industriale di competenza, nonché quello di maggiore interesse, è utile per trovare più facilmente nuove offerte di lavoro, eventi, contenuti formativi su LinkedIn e articoli di settore. Più di 300.000 persone vengono trovate ogni settimana su LinkedIn in base al settore. 

5) Località: può sembrare una banalità, ma molte aziende ricercano i talenti in base alla zona e si affidano alla località inserita nel profilo LinkedIn dei professionisti più interessanti. Basti pensare al fatto che aggiungere la località aumenta di 23 volte le possibilità di essere trovati nelle ricerche dei recruiter su LinkedIn. 

6) Curare il network e partecipare ai gruppi di discussione: è sempre utile leggere i post dei propri contatti, per informarsi e aggiornarsi sugli ultimi trend del proprio settore professionale, trarre spunti creativi per nuove attività, e creare un dialogo costruttivo per la community, attraverso commenti ragionati e illuminanti per gli altri lettori. Su LinkedIn è possibile iscriversi a diversi gruppi di discussione, e parteciparvi attivamente può aiutare i professionisti a mettersi in luce con altri professionisti del proprio settore di competenza, creare nuove opportunità di business e trovare un nuovo lavoro.