I selfie hanno ucciso più di 370 persone nel mondo in 13 anni

·1 minuto per la lettura

AGI - Nel mondo almeno 379 sono morte in 13 anni e mezzo come conseguenza dei selfie. Lo rivela uno studio dell'università Miguel Hernandez di Elche (Alicante) riferito al periodo compreso tra gennaio 2008 e luglio di quest'anno, secondo il quale, dopo una breve 'pausà per la pandemia, le morti per selfie sono di nuovo aumentate nei primi sette mesi dell'anno, durante i quali le vittime sono state almeno 31.

Delle 379 vittime, 141 erano turisti e 238 locali. La triste classifica è guidata dagli Usa (39) e Russia (33). Il 41% delle vittime aveva meno di 19 anni e il 37% erano ventenni. L'età media delle vittime è di 24,4 anni.

La principale causa di morte sono le cadute, con 216 casi. Seguono gli incidenti legati ai trasporti (123), annegamento (66), armi da fuoco e folgorazione (24 ciascuno) per arrivare, infine, alle ferite subite fotografando animali selvatici (17).  Tra i turisti si registrano 141 decessi mentre il resto, 238, si riferisce a persone che vivono nello stesso luogo in cui sono incidentalmente morti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli