A Selinunte raccolte 6 tonnellate olive in fondo confiscato mafia

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 8 nov. (askanews) - Sei tonnellate di olive, cultivar Nocellara del Belìce, sono state raccolte nel fondo agricolo confiscato a Nunzio Spezia e Vita Valenti in contrada Pileri-Buffa a Marinella di Selinunte e dal 2006 affidato in gestione alla Fondazione San Vito Onlus. Ieri si è svolta la "mattinata della legalità", con la partecipazione di 30 persone nella raccolta: le donne tunisine del "Progetto donna", i volontari della mensa fraterna "Rosario Livatino" di Mazara del Vallo, i giovani del Servizio civile presso la Fondazione, il presidente Vito Puccio e il Vescovo monsignor Domenico Mogavero.

Già nei giorni precedenti erano state raccolte le olive nell'uliveto dell'altro fondo agricolo confiscato alla mafia e in gestione della Fondazione in contrada Fiumelungo a Salemi. "L'olio ottenuto dalla molitura delle olive servirà per le tre mense fraterne di Mazara del Vallo, Marsala e Salemi gestisce insieme alla Caritas diocesana - ha detto il presidente della Fondazione, Vito Puccio - ma una parte verrà anche donata alle famiglie bisognose del nostro territorio diocesano".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli