Selvaggia Lucarelli smaschera Giorgia Meloni: la bugia nel nuovo libro della politica

·1 minuto per la lettura
giorgia meloni selvaggia lucarelli
giorgia meloni selvaggia lucarelli

Il libro di Giorgia Meloni è appena uscito che subito Selvaggia Lucarelli ne ha notato un dettaglio parecchio strano. La leader di Fratelli d’Italia ha infatti raccontato che sua madre, mentre l’attendeva, aveva deciso di abortire, ma poi, arrivata in clinica, ci aveva ripensato e così è nata lei. La giudice di Ballando con le Stelle ha tuttavia sottolineato come nel 1976, anno di nascita dell’ex Ministro per la Gioventù, l’aborto fosse una pratica illegale.

GUARDA ANCHE - Chi è Giorgia Meloni

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.
Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Il passaggio del racconto di “Io sono Giorgia” al quale Selvaggia Lucarelli fa riferimento è il seguente:

Devo tutto solo a mia madre. Perché la verità è che io non sarei mai dovuta nascere. Quando rimase incinta, Anna aveva ventitré anni, una figlia di un anno e mezzo e un compagno con cui non andava più d’accordo (…), l’avevano quasi convinta che non avesse senso mettere al mondo un’altra bambina in quella situazione. Ricordo quando me l’ha confessato, e ricordo il tempo per digerire quel sasso. Ma poi ho capito il combattimento di una donna sola: farti nascere o farti tornare nel niente.