Seminario all'Esa-Esac del Nobel per la Fisica 2019, Michel Mayor

Pdf

Madrid, 9 ott. (askanews) - Giovedì 10 ottobre 2019, nell'ambito del seminario scientifico dell'ESA-ESAC (European Space Astronomy Centre) di Madrid, in Spagna, il premio Nobel per la Fisica 2019, Michel Mayor, professore emerito all'Università di Ginevra, in Svizzera, terrà un seminario dal titolo "Esopianeti: passato, presente e futuro".

Insieme a Didier Queloz (anch'egli premiato col Nobel per la Fisica 2019), Michel Mayor nel 1995 ha scoperto 51 Pegasi-b, il primo pianeta extrasolare, in orbita attorno a una stella simile al Sole. Il suo team è responsabile per la ricerca di oltre 250 esopianeti. Michel Mayor è uno dei principali ricercatori di esopianeti del consorzio HARPS (High Accuracy Radial Velocity Planet Searcher) che ha scoperto una popolazione crescente di super-Terre e piccoli pianeti di massa simili a Nettuno.

Durante la presentazione, Michel Mayor descriverà l'evoluzione della ricerca di esopianeti negli ultimi 25 anni. In questo periodo, la strumentazione astronomica ha avuto un'evoluzione incredibile che ha rivelato un'impressionante diversità, complessità e frequenza di sistemi planetari. Il campo di ricerca ha sperimentato un drastico cambiamento di paradigma sulla frequenza dei sistemi planetari nella Via Lattea e sui loro meccanismi di formazione. Discuterà, inoltre, di alcuni strumenti sviluppati di recente che offrono molteplici possibilità per il futuro.

Mayor (nato a Losanna, in Svizzera nel 1942) ha conseguito la Laurea in Fisica presso l'Università di Losanna (1966) e un dottorato in astronomia presso l'Osservatorio di Ginevra (1971). Dal 1971 al 1984, ha lavorato come ricercatore associato presso l'Osservatorio di Ginevra che ospita il Dipartimento di Astronomia dell'Università. È diventato professore associato nel 1984. Nel 1988 l'Università lo ha nominato professore ordinario, una posizione che ha ricoperto fino al suo pensionamento, nel 2007.

È stato direttore dell'Osservatorio di Ginevra dal 1998 al 2004 e professore emerito all'Università di Ginevra dal 2007. Con oltre 700 pubblicazioni scientifiche, il Michel Mayor ha ricevuto il premio svizzero Marcel Benoist, nel 2000 gli è stato assegnato il Premio Balzan e nel 2004 ha ricevuto la medaglia Albert Einstein. Nel 2005 gli è stato assegnato il premio Shaw in Astronomia.

Nel 2015 gli è stata assegnata la medaglia d'oro della Royal Astronomical Society e nel 2017 ha ricevuto il Wolf Award in Physics. Martedì 8 ottobre 2019, ha ricevuto il premio Nobel per la Fisica 2019 insieme a Didier Queloz per la scoperta del primo esopianeta in orbita attorno a una stella di tipo solare. I due astrofisici svizzeri hanno condiviso il premio con James Peebles, premiato per i suoi studi sulla cosmologia. Michel Mayor è anche membro dell'Accademia europea delle Scienze, dell'Accademia americana delle Arti e delle Scienze e dell'Accademia nazionale delle Scienze.