Seminario ministri parlamentari e amministratori Pd 13-14 gennaio

Ska

Roma, 30 dic. (askanews) - Il segretario del Pd Nicola Zingaretti si appella "allo spirito unitario non per bontà ma per responsabilità. Si governa non per gestire il potere ma per metterlo al servizio delle persone", afferma in un colloquio con Repubblica. E intanto annuncia l'appuntamento del 13 e 14 gennaio: un seminario nell'ex monastero cistercense di San Marco Pastore a Contigliano nel reatino. Tema: "Oggi per un domani. Prima le persone per una nuova agenda di governo", conclave con ministri, parlamentari, amministratori dem. "Grazie ai cittadini sono un amministratore da 12 anni e da pochi mesi segretario di partito: vedo e vivo tutti i giorni la distanza che spesso c'è tra le aspettative delle persone e la politica". Da colmare. "Il Pd vuole ricostruire intorno al lavoro, la scuola, le imprese e le famiglie una idea di società".

"Basta odio, divisioni, rancore, miopia e egoismo", afferma Zingaretti, che lancia una sfida agli alleati - a Luigi Di Maio e a Matteo Renzi in preda "all'ossessione dei distinguo" - muovendo dalla consapevolezza che l'equilibrismo di questi cento giorni, e poco più, di governo giallo rosso deve essere archiviato, se davvero si vuole arrivare alla fine della legislatura nel 2023, o almeno provarci.

Per Zingaretti, bisogna "iniziare a ricostruire un nuovo, moderno e ambientalmente sostenibile sistema industriale per creare lavoro e benessere. Ricostruire vere e moderne politiche per la formazione, la ricerca, per dare autonomia e forza a una nuova generazione e con essa al paese. Ricostruire un sistema Italia, uno Stato più semplice, competitivo, utile, con maggiore giustizia fiscale".