Sempre pi羅 soli in Europa

Pietro Salvatori

"Il nemico numero uno". A poche ore dal vertice di Bruxelles che nelle intenzioni avrebbe dovuto aprire la strada a un accordo in vista del Consiglio Ue di fine mese, l'Italia si trova sempre pi羅 sola. Un ulteriore colpo alle speranze del governo 癡 arrivato oggi da Parigi. "Chiediamo che non ci sia una gestione caso per caso, proporremo domani uno schema chiaro: che lo sbarco di migranti rispetti le regole e i principi umanitari di soccorso e che avvenga nel porto sicuro pi羅 vicino". Le parole di Emmanuel Macron sono state una doccia fredda gettata a sorpresa addosso a Palazzo Chigi. Perch矇 fanno il paio con l'accordo che l'Eliseo aveva sancito con Angela Merkel qualche giorno fa sui movimenti secondari. Un pacchetto, quello allestito dall'asse franco-tedesco, che dunque prevede il ritorno in Italia dei migranti che sono sbarcati nel Belpaese e hanno varcato la frontiera solo in un secondo momento. E che chiude le porte a soluzioni alla Aquarius: nessuna nave vedr� pi羅 aprirsi i porti del Mediterraneo se l'approdo pi羅 vicino, come succede nella gran parte dei casi, sar� italiano.

Parole che hanno scatenato la dura reazione sia di Luigi Di Maio (Macron sta candidando il suo Paese a diventare il nemico numero uno dell'Italia su questa emergenza) che di Matteo Salvini (insulti di un arrogante). Una tempesta verbale esacerbata ancor pi羅 dal fatto che le parole di Macron sono state pronunciate al termine di un faccia a faccia con il nuovo premier spagnolo, Pedro Sanchez, con il quale aveva gi� condiviso la gestione del caso Aquarius. La prima visita internazionale del primo ministro iberico 癡 uno schiaffo alla diplomazia di Roma. E verr� bissato da un bilaterale la prossima settimana con la cancelliera tedesca, segno di come Madrid stia sempre pi羅 sostituendo Roma come partner del direttorio a tre che 癡 il cuore pulsante dell'Europa.

A Palazzo Chigi sono ore frenetiche. Per lunghe ore non esce nessun tipo di notizia dalla sede del governo, con il...

Continua a leggere su HuffPost