Senato, emendamento vieta l’allevamento e il massacro degli animali da pelliccia

·2 minuto per la lettura
senato
senato

Il Senato ha ufficialmente approvato un emendamento alla manovra che impone il divieto di allevamento, di riproduzione in cattività e uccisione degli animali da pelliccia. Per supportare le aziende che verranno colpite dall’emendamento, che entrerà in vigore nel mese di giugno 2022, è stata disposta l’erogazione di tre milioni di euro di ristori.

Stop all’allevamento e all’uccisione degli animali da pelliccia, il Senato approva l’emendamento

Nella giornata di martedì 21 dicembre, la commissione Bilancio al Senato ha votato a favore di un emendamento alla manovra che stabilisce il divieto di allevamento, di riproduzione in cattività e di uccisione di animali da pelliccia come, ad esempio, visoni, procioni, volpi o cincillà.

La misura, che verrà votata al Senato mercoledì 22 dicembre, porta la fina di Loredana De Petris, capogruppo di Liberi e Uguali (LeU) a palazzo Madama.

In questo modo, quindi, anche l’Italia si appresta a bandire definitivamente il business delle pellicce.

Stop all’allevamento e all’uccisione degli animali da pelliccia, la senatrice Loredana De Petris

Al momento, in Italia sono ancora attivi soltanto cinque allevamenti di visoni. In questo contesto, lo scorso 14 dicembre, i circa tremila esemplari che si trovavano presso la struttura di Villa del Conte, in provincia di Padova, sono stati soppressi a causa di un focolaio di coronavirus.

Una simile circostanza rappresenta il secondo episodio che ha travolto un allevamento a partire dall’inizio della pandemia. Nel mese di agosto del 2020, infatti, a Capralba, in provincia di Cremona, si era verificata una situazione analoga a quella recentemente segnalata a Villa del Conte.

Per quanto riguarda l’emendamento approvato in commissione Bilancio al Senato, la senatrice De Petris ha dichiarato: “Oltre a essere un provvedimento etico è, infatti, una misura di natura sanitaria”.

A questo proposito, a partire da febbraio 2021, il ministro della Salute Roberto Speranza aveva sospeso l’allevamento dei visoni proprio per contrastare la diffusione del Covid.

Stop all’allevamento e all’uccisione degli animali da pelliccia, il presidente dell’Enpa

L’emendamento approvato consente una deroga agli allevamenti che possono continuare a ospitare gli animali già presenti nelle singole strutture fino al e non oltre il prossimo 30 giugno 2022. Per fronteggiare le difficoltà alle quali andranno incontro gli allevamenti, intanto, è stato istituito un fondo di 3 milioni di euro.

L’iniziativa è stata commentata dal presidente dell’Ente nazionale protezione animali, Carla Rocchi, che ha spiegato: “I tempi sono più che giusti per mettere fine a questa catena. Mi auguro che utilizzino questi bonus e non chiedano ulteriori proroghe”.

Il presidente dell’Enpa, tuttavia, si è detta scettica sulla possibilità che gli esemplari possano giungere vivi al mese di luglio 2022: “Purtroppo c’è ancora mercato per le pellicce: nessun allevatore arriverà al termine imposto dal Governo senza aver ucciso l’ultimo visone”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli