**Senato: Ferrara a guida Esteri è già un caso, ironia tra dem 'Ferrara chi? L'americano?'**

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 11 mag. (Adnkronos) – "Ferrara chi? L'americano?". Un senatore Pd ricorre all'ironia di fronte alla scelta dei 5 Stelle di candidare alla guida della commissione Esteri a palazzo Madama, Gianluca Ferrara. Appena chiuso il caso Petrocelli, rischia di aprirsene un altro. Il senatore designato infatti non avrebbe posizioni molto distanti da quelle dell'ex-presidente della commissione Esteri e i due, insieme, furono protagonisti di una missione a Mosca dal 16 al 19 giugno 2019. "Rischiamo di cadere dalla padella alla brace", si commenta al Senato.

"Noi siamo leali con i 5 Stelle, la scelta sta a loro – spiegano fonti dem di palazzo Madama all'Adnkronos- è bene che avanzino loro un candidato alla presidenza e che sia un candidato nel solco del sostegno al governo e all'alleanza atlantica. Sta a loro indicare un nome, l'importante è che prendano impegni molto chiari". Ferrara rischia di non avere i voti necessari per essere eletto? "Il rischio c'è, noi magari lo votiamo ma potrebbe non avere i voti del centrodestra". Tra i leghisti vi sarebbero infatti dubbi e i presidenti di commissione per essere eletti hanno bisogno che ci sia un accordo politico tra i gruppi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli