Senato Usa verso soluzione dello stallo sul debito

·1 minuto per la lettura
La cupola del Campidoglio degli Stati Uniti a Capitol Hill

WASHINGTON (Reuters) - Il Senato degli Stati Uniti sembra vicino ad un accordo temporaneo per evitare il default sul debito federale nelle prossime due settimane.

Nella giornata di ieri i democratici hanno fatto sapere di essere disposti ad accettare una proposta repubblicana per superare lo stallo politico che minaccia l'economia.

I democratici avevano annullato un voto nel primo pomeriggio dopo che Mitch McConnell, a capo della pattuglia repubblicana al Senato, ha fatto balenare l'ipotesi di un piano che darebbe più tempo per risolvere la questione. La proposta di McConnell è semplice, e prevede che i repubblicani votino un'estensione della sospensione del limite al debito federale fino a dicembre.

Se non ci sarà un'azione da parte del Congresso per aumentare il tetto del debito, che attualmente rimane a 28.400 miliardi, il Tesoro Usa prevede che Washington non riuscirà a rispettare tutte le proprie obbligazioni a partire dal 18 ottobre.

Diversi senatori democratici si sono detti pronti a votare sulla soluzione offerta da McConnell. "Intendiamo prenderci questa vittoria temporanea", ha detto la senatrice democratica Tammy Baldwin.

Ma in assenza di una dichiarazione da parte del leader democratico al Senato Chuck Schumer, non è ancora chiaro se questa sia la posizione ufficiale del partito, e la Casa Bianca

non si è ancora impegnata a sostenere il piano.

La portavoce Jan Psaki ha detto che la Casa Bianca non ha ancora ricevuto un'offerta formale.

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Roma Stefano Bernabei, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli