Senatori Pd: manovra, ok emendamento omnibus per italiani a estero

Pol/Arc

Roma, 29 nov. (askanews) - "Soddisfazione per i risultati conseguiti nei capitoli di spesa concernenti le comunità italiane all'estero. Consideriamo molto importante il lavoro svolto in fase emendativa, di concerto con il Governo e il Maeci, non solo perché sono stati recuperati fondi aggiuntivi, ma soprattutto perché buona parte di essi, quali quelli per la promozione della lingua e cultura italiana all'estero, per l'adeguamento salariale dei contrattisti, per le agenzie di stampa, hanno carattere strutturale, dunque andranno a integrare stabilmente nei prossimi anni la dotazione finanziaria relativa ai capitoli di spesa sopra citati". Lo affermano i senatori del Pd Micheloni, Giacobbe, Turano, Di Biagio, Longo e Sangallli. "Gli interventi previsti nell' emendamento 'omnibus' - spiegano i senatori - riguardano: la promozione della lingua e cultura italiana all'estero - 1 milione di euro (aggiuntivi rispetto al finanziamento a regime) per il 2018, 1.5 milioni di euro a decorrere dal 2019, destinati in particolare al sostegno degli enti gestori di corsi di lingua e cultura; il Consiglio generale italiani all'estero - 400.000 euro, per il 2018, necessari per garantire almeno l'adempimento degli obblighi previsti dalla legge; i Comites - 100.000 euro per l'anno 2018; i contrattisti - 600.000 euro, a decorrere dal 2018, per l'adeguamento salariale del personale di cui all'art.152 del decreto del presidente della Repubblica 05.01.1967 n. 18; le agenzie di stampa - 400.000 euro a decorrere dal 2018, a favore delle agenzie specializzate sugli italiani all'estero che abbiano svolto tale servizio per il Maeci da almeno 5 anni; la stampa italiana all'estero - 500.000 euro per il 2018, a integrazione della dotazione finanziaria per i contributi diretti in favore della stampa italiana all'estero; le Camere di commercio italiane all'estero - 1 milione di euro per l'anno 2018.