Sentenza choc a Kenosha, uccise due attivisti anti-razzisti ma viene assolto

·1 minuto per la lettura
Kyle Rittenhouse speaks with his attorneys before the jury is relieved for the evening during his trial at the Kenosha County Courthouse in Kenosha, U.S., November 18, 2021. Sean Krajacic/Pool via REUTERS (Photo: POOL New via Reuters)
Kyle Rittenhouse speaks with his attorneys before the jury is relieved for the evening during his trial at the Kenosha County Courthouse in Kenosha, U.S., November 18, 2021. Sean Krajacic/Pool via REUTERS (Photo: POOL New via Reuters)

Sentenza choc in Wisconsin. Kyle Rittenhouse, il 18enne che l’anno scorso ha ucciso due manifestanti di Black Lives Matter, è stato dichiarato non colpevole di tutte le accuse nel processo che lo vede imputato a Kenosha.

Kyle, un cittadino dell’Illinois, allora 17enne, viaggiò fino a Kenosha armato con il fucile. Uccise due attivisti, ferendo un terzo, durante i disordini seguiti alle proteste per Jacob Blake, un afroamericano ricercato dalla polizia ferito gravemente da un agente che lo colpì alle spalle mentre lui cercava rifugio sul Suv della fidanzata.

Disse agli investigatori che voleva difendere la cittadina da incendi e saccheggi notturni che seguirono le proteste di Black Lives Matter. Sentendosi minacciato da alcuni manifestanti (uno lo colpì con uno skateboard, un altro, l’unico uscito ferito ma vivo dallo scontro, gli avrebbe puntato un’arma contro) sparò ripetutamente. Legittima difesa hanno sostenuto i suoi avvocati e lo stesso Kyle che ha testimoniato in lacrime. Per la pubblica accusa, invece, Rittenhouse fu lui, col suo atteggiamento aggressivo, a provocare la reazione degli attivisti. Non per la giuria, che lo ha assolto da tutti i capi d’accusa.

Il processo è stato seguito da milioni di americani in un clima di grande tensione: fuori dal tribunale è schierata la Guardia Nazionale nel timore di reazioni violente dei manifestanti delle opposte fazioni sia in caso di assoluzione che di condanna. Molti attivisti da giorni sono radunati a Kenosha e tengono in bella vista pistole e fucili: cosa consentita dalle leggi del Wisconsin.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli