Sentinel-5P svela inquinamento atmosferico prodotto da ogni nave

Red
·3 minuto per la lettura

Roma, 9 nov. (askanews) - Per la prima volta, gli scienziati, utilizzando i dati del satellite Sentinel-5P di Copernicus, sono ora in grado di rilevare pennacchi di biossido di azoto dalle singole navi dallo spazio. A darne notizia è l'Agenzia spaziale europea.

Il trasporto marittimo ha un impatto diretto sulla qualità dell'aria in molte città costiere. Le navi bruciano carburante per produrre energia ed emettono diversi tipi di inquinamento atmosferico come sottoprodotto, causando il degrado della qualità dell'aria. Uno studio citato dall'Esa (Cleaner fuels for ships provide public health benefits with climate tradeoffs, pubblicato nel 2018 su Nature Communications) ha stimato che le emissioni delle navi sono responsabili a livello globale di circa 400.000 morti premature per cancro ai polmoni e malattie cardiovascolari e 14 milioni di casi di asma infantile ogni anno.

Per questo motivo, nell'ultimo decennio, sono stati avviati sforzi per sviluppare normative internazionali sulle emissioni delle navi. Da gennaio 2020, il contenuto massimo di anidride solforosa dei carburanti per navi è stato ridotto globalmente allo 0,5% (dal 3,5%) nel tentativo di ridurre l'inquinamento atmosferico e proteggere la salute e l'ambiente. Si prevede che anche le emissioni di biossido di azoto dalle spedizioni saranno limitate nei prossimi anni.

Il monitoraggio delle navi per conformarsi a queste normative è ancora una questione irrisolta. L'oceano copre vaste aree, con una capacità limitata o nulla di eseguire controlli locali. È qui che i satelliti, come il satellite Sentinel-5P di Copernicus, - sottolinea l'ESA - diventano utili. Fino a poco tempo fa, le misurazioni satellitari dovevano essere aggregate e mediate su mesi o addirittura anni per scoprire le rotte di navigazione, limitando l'uso dei dati satellitari per il controllo e l'applicazione della regolamentazione. Si poteva vedere solo l'effetto combinato di tutte le navi e solo lungo le rotte di navigazione più trafficate.

In un recente studio, un team internazionale di scienziati del Royal Netherlands Meteorological Institute (KNMI), dell'Università di Wageningen, dell'Ispettorato per l'ambiente umano e dei trasporti del Ministero delle infrastrutture e della gestione delle acque, dell'Università di Salonicco e dell'Università di Nanchino di Scienze dell'informazione e Tecnologia ha ora scoperto nei dati satellitari "bagliori solari" sull'oceano precedentemente inutilizzati che assomigliano molto ai pennacchi delle emissioni delle navi.

Il bagliore del sole si verifica quando la luce solare si riflette sulla superficie dell'oceano con la stessa angolazione con cui la vede un sensore satellitare. Poiché le superfici dell'acqua sono irregolari, la luce solare viene diffusa in direzioni diverse, lasciando strisce sfocate di luce nei dati.

Gli algoritmi satellitari tendono a scambiare superfici così luminose per nuvolosità, motivo per cui, per molto tempo, il bagliore del sole è stato considerato un fastidio nelle misurazioni satellitari. In uno studio pubblicato lo scorso anno, gli scienziati sono stati in grado di differenziare la neve e il ghiaccio dalle nuvole e applicando lo stesso metodo per il bagliore del sole sugli oceani, il team è stato in grado di identificare e attribuire facilmente le emissioni delle singole navi nelle misurazioni quotidiane di Sentinel-5P.

Aris Georgoulias, dell'Università di Salonicco, ha commentato: "Combinando queste misurazioni con le informazioni sulla posizione della nave e tenendo conto dell'effetto del vento che soffia via i pennacchi di emissione dai fumaioli delle navi, abbiamo potuto dimostrare che queste strutture corrispondevano quasi perfettamente alle tracce della nave". "Per ora, solo le navi più grandi, o più navi che viaggiano in convoglio, sono visibili nelle misurazioni satellitari", ha aggiunto Jos de Laat, di KNMI.

Claus Zehner, Responsabile della missione Sentinel-5P dell'ESA, ha commentato: "Riteniamo che questi nuovi risultati dimostrino interessanti possibilità per il monitoraggio delle emissioni delle navi dallo spazio. Le future missioni satellitari pianificate con una migliore risoluzione spaziale, ad esempio i satelliti antropogenici di monitoraggio dell'anidride carbonica di Copernicus, dovrebbero consentire una migliore caratterizzazione dei pennacchi di emissione di biossido di azoto delle navi e, possibilmente, il rilevamento di pennacchi di navi più piccole".