A Seoul dibattiti sui cambiamenti climatici in vista di Cop26

·1 minuto per la lettura

SEOUL (COREA DEL SUD) (ITALPRESS) - Continuano le attività dell'Ambasciata d'Italia a Seoul per promuovere gli eventi COP26 che avranno luogo a Milano. Il 28 maggio è stato presentato nella città di Chuncheon il documentario "The Climate Limbo" di Elena Brunello, in una proiezione cui hanno partecipato gli studenti dell'Università Hallym e i rappresentanti delle municipalità della regione del Kangwon, con l'obiettivo di stimolare il dibattito tra la popolazione coreana sui cambiamenti climatici e portare l'attenzione sull'evento giovanile della COP26 "Youth4Climate: driving ambition" che si terrà a Milano il 28 settembre. "Il nostro obiettivo, con queste proiezioni e dibattiti - ha ribadito l'Ambasciatore Federico Failla - consiste nel diffondere quanto più possibile nella società civile e tra i giovani coreani informazioni sulle conseguenze dei cambiamenti climatici, spiegando come si sta muovendo il nostro Paese e fornendo spunti per discussioni e idee per meglio raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni entro il 2050. Abbiamo bisogno che i giovani si attivino e agiscano per combattere il cambiamento climatico, problema che purtroppo rischia di diventare sempre più grave in futuro".

La proiezione si inserisce peraltro in un weekend interamente dedicato all'Italia, organizzato dall'Ambasciata in collaborazione con il Comune di Chuncheon per portare l'eccellenza italiana nella musica, la cucina e il cinema nella regione del Kangwon. Il festival "Ciao Italia" vede la partecipazione di tutto il sistema Italia e diversi eventi sia in presenza - come concerti e proiezioni cinematografiche - sia "virtuali", come lezioni di cucina e master class dedicate alle specialità gastronomiche del nostro Paese.

(ITALPRESS).

fsc/com

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli