Seoul rimuove Giappone da lista partner commerciali privilegiati

Mos

Roma, 18 set. (askanews) - La Corea del Sud ha rimosso il Giappone dalla lista dei partner commerciali privilegiati, con una mossa che segue un analogo provvedimento nipponico, in un ulteriore segnale di deterioramento dei rapporti tra i due paesi che sono entrambi alleati degli Stati uniti nell'articolata regione dell'Asia orientale. Lo scrive oggi Bloomberg.

I rapporti tra Tokyo e Seoul hanno subito un'ulteriore battuta d'arresto dopo che una corte sudcoreana ha ordinato che aziende giapponesi paghino risarcimenti per l'utilizzo del lavoro forzato coreano nel periodo coloniale e della seconda guerra mondiale.

Tokyo sostiene che l'intera materia è stata regolata dall'accordo di normalizzazione dei rapporti firmato nel 1965.

Il mese scorso il Giappone aveva tolto la Corea del Sud dalla cosiddetta "white list" dei partner commerciali più fidati e Seoul aveva risposto con il mancato rinnovo di un accordo di condivisione delle intelligence, in un'escalation che ha preoccupato anche Washington.

Seoul ha anche subito un peggioramento delle sue prospettive di crescita, in seguito a una serie di provvedimenti sul fronte commerciale del Giappone, che hanno reso più complicato l'afflusso di materiali per la produzione.

Tokyo ha protestato per la decisione odierna del governo sudcoreano. "Il ministero del Commercio continuerà a invitare le autorità della Corea del Sud a rispettare i loro impegni, spiegando tutto alla comunità internazionale", ha detto Isshu Sugawara, il ministro del commercio nipponico, sottolineando la mancanza di una spiegazione nel provvedimento sudcoreano.