Prodotti surgelati sequestrati a Napoli: tonnellate di cibo in cattivo stato

cibo sequestrato napoli

Prodotti surgelati per un totale di diverse tonnellate di alimenti sono stati sequestrati all’interno di un negozio alle porte di Napoli. Un’operazione dei militari dell’Arma che, al termine delle indagini, si sono trovati davanti cibo surgelato e tenuto in cattivo stato di conservazione, ma regolarmente venduto. Chiuso l’esercizio commerciale, risultato inoltre senza autorizzazioni.

Prodotti surgelati sequestrati a Napoli

Nonostante fosse in cattivo stato di conservazione veniva regolarmente venduto. Mezza tonnellata di prodotti alimentati surgelati sono stati sequestrati dai militari dell’Arma al termine dell’ennesima operazione svoltasi in tutta Napoli e Provincia. Una scoperta effettuata dai Carabinieri del Nas, i quali hanno ispezionato un deposito di alimenti dopo aver seguito un furgone sospetto non refrigerato: nei guai una persona, ora deferita all’Autorità Giudiziaria, per numerose ipotesi di reato. Un’indagine svoltasi presso il deposito di un esercizio commerciale alle porte di Napoli, che ha portato le forze dell’ordine a trovarsi davanti i suddetti cibi in cattivo stato di conservazione appena scaricati e pronti per essere messi in vendita all’interno del negozio stesso. Alimenti subito sequestrati dall’Arma, che si è avvalsa dell’aiuto del personale dell’Asl di Napoli. Il locale, scoperto privo di autorizzazioni e dal valore di circa centomila euro, è stato prontamente chiuso. Il titolare della rivendita, che dovrà ora rispondere delle proprie colpe di fronte a un giudice, è stato denunciato in stato di libertà.

Tonnellate di cibi scaduti

Contestati al titolare altri illeciti amministrativi, per un totale di quattromila euro di sanzioni nei suoi confronti. Quella compiuta dai Carabinieri del Nas di Napoli è solo l’ultima delle operazioni dei recenti giorni, che sta portando al sequestro di quintali di cibo in tutta la zona. Nella precedente maxi-operazione si era arrivati al sequestro di una tonnellata di alimenti privi di tracciabilità e in stato di mal conservazione. Un’inchiesta che molto probabilmente condurrà i Carabinieri, assieme le altre forze competenti, a rinforzare i controlli nel territorio napoletano, che si mostra coinvolto in un giro d’affare che mette a rischio la salute dei cittadini della zona.