Sequestrati 400 chili di alimenti scaduti e non tracciabili a Napoli

Sequestrati 400 chili di alimenti scaduti

Blitz dei Carabinieri del NAS di Napoli, a Marigliano, all’interno di un supermercato, sotto gli ordini del comandante Gennaro Tiano. I militari hanno effettuato un controllo in un punto vendita di una catena di supermercati a salvaguardia della salute dei consumatori, rinvenendo e sequestrando oltre 400 chili di prodotti alimentari vari in quanto sprovvisti delle indicazioni di provenienza prescritte dalla normativa vigente.

Sequestrati 400 chili di alimenti scaduti

Nel supermercato sono state rinvenute e sequestrate anche una cinquantina di confezioni di vari alimenti, esposte sugli scaffali a disposizione dei consumatori, nonostante fossero scadute. Infine nella stessa attività commerciale, i carabinieri del Nas hanno sequestrato un locale che era stato abusivamente adibito a deposito per gli alimenti e sono state imposte prescrizioni per delle non conformità riscontrate nel corso della verifica e connesse con carenze strutturali riscontrate durante l’ispezione.

Oltre ai controlli, e ai sequestri scattati all’interno di un supermercato di una nota catena, i carabinieri hanno eseguito controlli anche in altre attività commerciali della provincia, riscontrando diverse anomalie. I controlli effettuati dall’arma dei carabinieri sono proseguiti anche in un caseificio di Napoli dove i militari, insieme al personale dell’Asl Napoli 1 Centro, hanno disposto un sequestro di 4,5 quintali di panna, destinata alla produzione del burro, in quanto sprovvista delle indicazioni di provenienza e tracciabilità prescritte dalla legge vigente. L’arma ha riscontrato anche delle difformità igienico-sanitarie per le quali sono stati prescritti degli interventi, che dovrà eseguire il titolare dell’attività commerciale, per mettere in regola il caseificio.