Sequestrati a Milano 100kg di botti conservati non in sicurezza

Red-Mch

Milano, 30 dic. (askanews) - La Polizia Locale di Milano ha sequestrato 100 chilogrammi di fuochi d'artificio perché conservati senza osservare le prescrizioni di sicurezza. I gestori dei locali dove erano riposti i botti sono stati denunciati dagli agenti di piazza Beccaria.

Il materiale confiscato, costituto da 41 diverse tipologie di prodotti pirotecnici per un totale di oltre duemila articoli, era nascosto tra i cavi dell'impianto elettrico e del computer. Altri fuochi d'artificio erano esposti tra indumenti in fibra sintetica, materiale plastico, scatole e accendini. I locali inoltre erano privi di un adeguato sistema antincendio: gli estintori, collocati in punti difficilmente accessibili, erano stati revisionali l'ultima volta nel 2016 e l'uscita d'emergenza era bloccata.

Nel corso del controllo gli agenti hanno anche assistito alla vendita di diversi articoli pirotecnici a un minore di 15 anni.

Per questo motivo i tre responsabili dell'attività commerciale, di origine cinese, sono stati indagati per aver tenuto all'interno del negozio materie esplodenti senza osservare le norme di sicurezza poste a tutela dell'incolumità delle persone e della preservazione dei beni contro rischi di incendio e per aver posto in vendita fuochi d'artificio a minorenni.