Sergio Marchionne in gravi condizioni di salute

Huffington Post

Sono peggiorate le condizioni di Sergio Marchionne, che non potrà riprendere la sua attività lavorativa. Lo rende noto Fca.

Fiat Chrysler Automobiles "comunica con profonda tristezza che in settimana sono sopraggiunte complicazioni inattese durante la convalescenza post-operatoria del Dr. Marchionne, aggravatesi ulteriormente nelle ultime ore". Lo si legge in una nota di Fca, che aggiunge che "per questi motivi il Dr. Marchionne non potrà riprendere la sua attività lavorativa".

Il consiglio di amministrazione di Fca, prosegue il comunicato, "riunitosi in data odierna, ha espresso innanzitutto la sua vicinanza a Sergio Marchionne e alla sua famiglia sottolineando lo straordinario contributo umano e professionale che ha dato alla società in questi anni". Secondo precedenti indiscrezioni, Marchionne è stato operato a fine giugno alla spalla destra ed è ancora ricoverato all'ospedale di Zurigo, in Svizzera.

L'ultima apparizione in pubblico di Sergio Marchionne è datata 26 giugno, quando consegnò la Jeep Wrangler ai Carabinieri.

John Elkann, presidente del gruppo Fca, ha affermato che "per tanti Sergio è stato un leader illuminato, un punto di riferimento ineguagliabile. Per me è stato una persona con cui confrontarsi e di cui fidarsi, un mentore e soprattutto un amico. Sono profondamente addolorato per le condizioni di Sergio. Si tratta di una situazione impensabile fino a poche ore fa, che lascia a tutti quanti un senso di ingiustizia. Il mio primo pensiero va a Sergio e alla sua famiglia", aggiunge Elkann. Per quanto concerne il futuro del gruppo, "le transizioni che abbiamo appena annunciato, anche se dal punto di vista personale non saranno prive di dolore, ci permettono di garantire alle nostre aziende la massima continuità possibile e preservarne la cultura. Per me è stato un privilegio poter avere Sergio al mio fianco per tutti questi anni".

Continua a leggere su HuffPost