Serracchiani: blocco merci a frontiere è suicidio economico

Fdm

Trieste, 13 mar. (askanews) - "Il blocco della circolazione delle merci attuato da vari Stati europei è un suicidio economico e politico a livello europeo, e fermare i tir alle frontiere non serve a fermare il coronavirus. Per quanto riguarda il nordest, le misure attuate dalla Slovenia ma soprattutto dall'Ungheria e dalla Croazia sono passibili di conseguenze gravissime: serve subito un coordinamento a livello di Governi e di Commissione europea". Lo afferma la deputata dem Debora Serracchiani, che oggi ha avuto contatti diretti con la Farnesina in merito alla situazione che si è creata alla frontiera italo-slovena, dove centinaia di mezzi pesanti sono respinti dalla polizia del Paese balcanico. La parlamentare conferma "pieno e fermo sostegno al Governo nell'interlocuzione con Lubiana e al più presto con gli altri Stati dell'area che sono all'origine del blocco. Molto opportuna anche la presa di posizione della presidente von der Leyen perché, anche se tardivamente, si deve capire che nessuno si salva da solo. Lo capirà anche Orban, volente o nolente".