Serrata fino a Pasqua, poi riaperture graduali: il calendario

(AP Photo/Andrew Medichini)

Le buone notizie sul fronte nuovi contagi non cambieranno di una virgola le intenzioni di Giuseppe Conte: il premier è pronto ad annunciare la proroga delle restrizioni con un annuncio: dovrebbe avvenire dopo un Consiglio dei Ministri che, secondo fonti di governo, potrebbe tenersi mercoledì o giovedì.

LEGGI ANCHE: L’eccezionale caso del comune lombardo senza contagi

VIDEO - L’asta di Federica Pellegrini

Il piano di Palazzo Chigi prevede di attuare una proroga senza deroghe delle attuali misure, mentre qualche ombra c'è ancora sulla nuova data finale delle restrizioni. Il range ritenuto in queste ore più probabile è quello che va dal 15 al 18 aprile. Ciò che è certo già da ora, è che fino al 12 aprile ci saranno le attuali restrizioni, le più rigide.

CORONAVIRUS, SEGNALI DI SPERANZA | LE BUONE NOTIZIE

Il premier vuole seguire la stessa via percorsa per la messa in campo delle chiusure: quella della gradualità. E il comparto che potrebbe beneficiare delle prime aperture, spiega il Corriere della Sera, potrebbe essere quello delle attività produttive collegate alla filiera alimentare e farmaceutica finora non comprese tra i servizi essenziali.

CORONAVIRUS: TUTTI GLI ARTICOLI E I VIDEO SULL’EMERGENZA

Artigiani, parrucchieri e palestre

Aperture scaglionate a seconda della tipologia degli esercizi commerciali. Secondo quanto riporta Repubblica all'inizio verrà dato il via libera a chi non ha particolari contatti con i clienti, come chi fa riparazioni oppure alcune tipologie di artigiani. Dovranno pazientare qualche giorno in più estetisti e parrucchieri, così come le palestre.

“IoRestoaCasa”: CONSIGLI PER VIVERE MEGLIO LA QUARANTENA

Bar, discoteche, ristoranti

Proprio perché nei giorni scorsi gli esperti avevano suggerito di lasciare in fondo alla lista delle riaperture i luoghi dove maggiore è l'affollamento, per bar, discoteche e ristornati la possibilità di tornare in attività non sembra essere all'orizzonte. Certo è che per queste attività le riaperture avverranno con tutte quelle misure limitative già individuate subito prima della chiusura. Dovrà essere quindi assicurato il distanziamento dei tavoli ed evitare che le persone stiano a contatto davanti ai banconi.

CORONAVIRUS: COSI’ FUNZIONA LA SCUOLA ONLINE

Teatri e cinema

Ultimi a ricominciare in ordine di tempo saranno cinema e teatri, che dovranno comunque far rispettare le distanze di sicurezza agli avventori, come già imposto prima del blocco.

VIDEO - Verona, l'omaggio all'ospedale Borgo Roma

Concerti e partite

Anche grandi eventi, come concerti e partite, dovranno essere attentamente valutati. Gli esperti restano preoccupati dai grandi assembramenti.

LEGGI ANCHE: Coronavirus Caserta, primo paziente guarito grazie al farmaco Remdesivir