Serravalle, Comune Milano: confermata nostra stima valore azioni

Red-Alp

Milano, 31 lug. (askanews) - Si chiude il contenzioso sul valore delle azioni di Milano Serravalle-Milano Tangenziali Spa detenute dal Comune di Milano, che nel 2015 ha esercitato il diritto di recesso: la consulenza tecnica d'ufficio disposta dal Tribunale di Milano, ha infatti fissato il prezzo a 2,7 euro per azione e per tutto il pacchetto a 91 milioni di euro. La stessa stima che era stata formulata da Palazzo Marino. Lo riferisce la stessa Amministrazione meneghina

"Siamo molto soddisfatti del risultato della perizia. C'è stato il lavoro degli uffici per vedere riconosciuto un diritto patrimoniale del Comune e siamo contenti" ha dichiarato l'assessore al Bilancio, Roberto Tasca, aggiungendo "era una delle promesse che feci tre anni fa quando arrivai a ricoprire questo ruolo, ovvero recuperare il valore dovuto delle azioni Serravalle". "Ringrazio la nuova Regione Lombardia e il management Serravalle per avere tenuto un confronto leale con il Comune" ha continuato l'assessore comunale, concludendo "infine il Comune ringrazia lo studio legale FiveLex che con un impegno pro-bono ha collaborato per raggiungere questo risultato".

L'Amministrazione ha infine ricordato che la vicenda si trascinava da tempo, da quando, nel 2015, il Comune di Milano decise di procedere al diritto di recesso del proprio pacchetto azionario in Milano Serravalle-Milano Tangenziali Spa. Da quel momento si aprì una disputa sul prezzo delle azioni tra Palazzo Marino, secondo cui il valore medio non poteva scendere al di sotto di 2,7 euro e l'allora cda di Serravalle che offriva 2,25 euro ad azione. Dopo diversi tentativi di accordo tra le parti andati a vuoto, l'Amministrazione ha chiesto l'intervento del Tribunale attraverso una consulenza tecnica d'ufficio per fissare una volta per tutte il prezzo delle azioni.