Servizi di Kiev ed esperti internazionali temono per le sorti di un impianto sulle rive del Dnipro

La centrale nucleare di Zaporizhzhia
La centrale nucleare di Zaporizhzhia

Paura in Ucraina per un nuovo attacco ad una centrale nucleare con i servizi di Kiev e gli esperti internazionali che temono per le sorti di un impianto sulle rive del fiume Dnipro. Ma quale sarebbe il richio legato alle azioni delle truppe di Vladimir Putin? Che i combattimenti in corso raggiungano il settore e che, trattandosi di operazioni belliche condotte con artiglieria e razzi, si possa innescare un disastro.

Nuovo attacco ad una centrale nucleare

La Cnn spiega che all’inizio di questa settimana l’organismo di controllo nucleare globale ha affermato che la situazione stava diventando sempre più pericolosa. E non poteva essere altrimenti, a contare che venerdì 5 agosto c’erano state esplosioni nel complesso nucleare di Zaporizhzhia, il più grande del suo genere in Europa, esplosioni che avevano riacceso i timori di un potenziale disastro.

Le accuse reciproche fra Kiev e Mosca

Dal canto loro Mosca e Kiev si erano accusate a vicenda di bombardare l’impianto senza criterio alcuno, che è stato rilevato dalle forze russe all’inizio di marzo, insieme alla città di Enerhodar, dove si trova il complesso. E il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accusato Mosca dell’attacco, definendo gli scioperi un “crimine sfacciato” e un “atto di terrore”.