Sesso: pratiche estreme e variabili anatomiche causa di lesioni femminili

Roma, 12 lug. (Adnkronos Salute) - "Una serie di variabili tra cui il modo in cui si è svolto il rapporto sessuale, l'uso di oggetti, la morfologia fisica degli organi sessuali dei due ragazzi e il forte stordimento dovuto all'abuso, che ha un effetto analgesico, potrebbero essere le ipotesi alla base di un'emorragia dopo un rapporto". E' la spiegazione di Alessandra Graziottin, direttrice del Centro di ginecologia e sessuologia medica dell'ospedale San Raffaele Resnati di Milano, che fa il punto sul caso della ragazza australiana ricoverata ieri al policlinico Umberto I di Roma dopo essere stata soccorsa dal 118 per un'emorragia, conseguenza di un rapporto sessuale.

"L'emorragia - spiega la ginecologa all'Adnkronos Salute - potrebbe essere stata scatenata dal modo in cui si è svolto il rapporto sessuale e dalle dimensioni degli organi genitali dei due giovani. Una ragazza che non ha avuto ancora figli ha un ipertono dei tessuti che circondano l'organo sessuale. Durante pratiche estreme - prosegue - questa zona così delicata può andare incontro ad abrasioni e il dolore causato può determinare una contrazione di difesa del muscolo perivaginale, che porta all'aumento delle lacerazioni. Inoltre il dolore, soprattutto se il rapporto è prolungato, è un forte inibitore della lubrificazione. E anche questo causando un aumento delle ferite e l'emorragia".

"Quello che deve essere sottolineato in casi del genere - avverte la Graziottin - è che quando una ragazza è ubriaca significa che non è in grado di intendere e volere in quel momento. Questo fenomeno del 'binge drinking', ovvero 'bere fino allo stordimento', colpisce una ragazza su tre, e le donne hanno la metà della tolleranza per l'alcol rispetto agli uomini. Un problema in crescita tra i giovani come il numero dei rapporti non voluti, ma consumati sotto l'effetto dell'alcol. Casi - conclude - che non arrivano alla ribalta delle cronache perché la donne spesso non li denunciano".

Per approfondire visitaAdnkronos
Ricerca

Le notizie del giorno