A settembre campanella in presenza ma va approntato un modello operativo rigorosissimo

·2 minuto per la lettura
Il generale Figliuolo
Il generale Figliuolo

Il generale Francesco Paolo Figliuolo ha un piano e vuole convincere 215mila insegnanti a vaccinarsi entro settembre, posto che la campagna vaccinale proceda come sta facendo. Perché? Perché a quel punto l’Italia entrerebbe nel recinto virtuoso dell’immunità di comunità, con l’80% degli italiani protetto dal Covid entro la fine dell’estate. Ma lo snodo fondamentale è quello di settembre, quando cioè riapriranno le scuole, e il punto cruciale è assicurarsi che docenti e personale scolastico siano tutti vaccinati.

Figliuolo vuole convincere 215mila insegnanti e fa “tandem” con il ministro Bianchi

Ecco perché il generale Figliuolo ha affrontato la questione in tandem con il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi e ha detto che bisogna “convincere i 215 mila insegnanti e operatori scolastici che mancano a vaccinarsi per tornare a scuola in sicurezza”. Sarà un rientro in presenza e proprio su quella condizione il ministro si appresta a chiedere un parere definitivo del Cts; servono modalità, protocolli e logistica per far squillare la campanella in sicurezza e Bianchi non deroga dalla linea del riavvio in presenza.

Il generale Figliuolo vuole convincere 215mila insegnanti ma il vaccino non sarà obbligatorio

E lo dice: “Io insisto nel dire che dobbiamo tornare in presenza. E stiamo tutti lavorando per tornare in presenza”. E l’ipotesi che addirittura il vaccino in ambito scolastico diventi obbligatorio? Non è in agenda e per il momento ci sono solo i richiami etici e di responsabilità collettiva di ministro e commissario. Commissario che ha poi aggiunto: “Dobbiamo mettere in sicurezza i più giovani in vista dell’inizio dell’anno scolastico. Sto scrivendo a tutte le Regioni per incentivare con ogni mezzo quella parte di operatori scolastici che ancora mancano”.

Figliuolo vuole convincere 215mila insegnanti: “Otto-nove regioni sotto l’80% di copertura”

E ci sono regioni meno “virtuose” in questo senso? “Ci sarebbero ancora 8 o 9 Regioni che sono sotto l’80% di copertura e in quelle si dovrebbe cercare di fare di più per far capire a tutti gli operatori scolastici l’importanza che ha la vaccinazione, non solo per se stessi ma anche per la collettività. Questo per poter riaprire le scuole in sicurezza e magari con meno vincoli possibili a settembre. Ovviamente poi ci rifaremo alle indicazioni del Cts, alcune sono state già date, ma è chiaro che gli scienziati si riserveranno più avanti quando avremo ulteriori dati di immunizzazione”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli