Settimana lavorativa di 4 giorni? La produttività vola

(kaboompics_Pixabay)

Microsoft Japan ha testato una settimana lavorativa di quattro giorni. L’esperimento, parte di un progetto più ampio per promuovere un equilibrio salutare tra lavoro e vita privata, ha mostrato un sorprendente vantaggio in termini di produttività.

GUARDA ANCHE: Conte: Sud non può più attendere, è sfida da vincere insieme


Grazie alla campagna "Work Life Choice Challenge" di Microsoft, svoltasi lo scorso agosto, la sede giapponese del gigante della tecnologia ha chiuso i battenti il ​​venerdì offrendo ai suoi 2.300 dipendenti un fine settimana di tre giorni per l’intero mese. All'interno del periodo testato, Microsoft Japan ha registrato un aumento di quasi il 40% nei livelli di produttività dei dipendenti.

GUARDA ANCHE: Attenzione, internet modifica il cervello


La produttività, misurata dalle vendite per dipendente, è aumentata nello specifico del 39,9% rispetto all'agosto 2018. Un incremento, ha fatto sapere Microsoft, dovuto alle riunioni limitate a 30 minuti e all’aumento dei meeting da remote. L’azienda, contemporaneamente, ha registrato un calo dei costi, con il 23,1% in meno di energia elettrica utilizzata e il 58,7% in meno di pagine stampate nel periodo.

L’esperimento ha registrato anche feedback ampiamente positivi da parte dei dipendenti, con il 92,1% che ha dichiarato di apprezzare la settimana lavorativa ridotta a quattro giorni. L'esperienza sarà replicata questo inverno. In Giappone, Paese noto per il superlavoro e l'alto numero di ore lavorate nelle aziende, si tratta di una novità che va incontro alla flessibilità e al contenimento dello stress.

LEGGI ANCHE: Quanti sono i giovani che hanno lasciato il Mezzogiorno