I settori più colpiti dalla paura del coronavirus

ivana pisciotta

Ancora troppo presto per misurare l'impatto che l'epidemia di coronavirus cinese avrà sull'economia globale. Ma sta già avendo un impatto negativo su molte aziende internazionali a causa dell'importanza della Cina sia come mercato che come paese produttore. Questi i settori più colpiti.

VIAGGI. Principale settore interessato al momento dall'epidemia sono i trasporti. La Cina ha chiuso diverse delle sue città e ha vietato ai suoi cittadini di organizzare viaggi all'interno del paese e all'estero nel tentativo di contenere il contagio. Diverse compagnie aeree, tra cui Air France, British Airways, Air Canada, Lufthansa, American, United e Delta, hanno sospeso o sospenderanno presto i loro voli verso la Cina continentale.

Paesi come il Regno Unito, la Germania e gli Stati Uniti sconsigliano qualsiasi viaggio nella Cina continentale. Alcuni paesi come Singapore e l'Australia hanno addirittura vietato l'arrivo di tutti i non residenti dalla Cina, e gli Stati Uniti faranno lo stesso. Washington imporrà anche una quarantena ai propri cittadini che hanno visitato Hubei, la culla dell'epidemia, nei 14 giorni precedenti. La Russia, dal canto suo, ha chiuso il suo confine terrestre di 4.250 chilometri con la Cina.

TURISMO. Disney ha chiuso i suoi parchi di divertimento a Shanghai e Hong Kong. Diverse compagnie di crociera come MSC Cruises, Costa Crociere e Royal Caribbean hanno cancellato i viaggi dai porti cinesi e si rifiutano di imbarcare passeggeri che sono stati in Cina nelle ultime due o anche quattro settimane.

CONSUMI E SERVIZI ALIMENTARI. In Cina l'epidemia sta sconvolgendo le reti di distribuzione e i prezzi degli ortaggi stanno salendo vertiginosamente. Non solo, ma alcune multinazionali hanno dovuto chiudere tutti o parte dei loro negozi, anche se la maggior parte della popolazione è ancora chiusa in casa. Sabato, Apple ha annunciato la chiusura di tutti i suoi negozi nella Cina continentale fino al 9 febbraio.

Starbucks, per la quale la Cina è il secondo mercato mondiale, ha chiuso la metà dei suoi 4.000 punti vendita nel paese. "Diverse centinaia" di ristoranti McDonald's hanno serrato le porte anche nella provincia di Hubei, di cui Wuhan, l'epicentro dell'epidemia, è la capitale. Anche Pizza Hut e KFC hanno chiuso le serrande.

SPORT. Dopo l'annullamento di diverse competizioni sportive internazionali, tra cui la Coppa del Mondo di sci alpino, la Cina ha annunciato il rinvio della stagione calcistica 2020.

AUTO. A Wuhan presente dagli anni '90, la società francese PSA gestisce tre stabilimenti e impiega 2.000 persone, tra cui 38 espatriati. Questi ultimi sono stati rimpatriati in Francia venerdì, e nessuno di loro è stato infettato dal virus. I tre stabilimenti del gruppo, che avrebbero dovuto riaprire il 3 febbraio, rimarranno chiusi fino al 14 febbraio: avevano chiuso il 24 gennaio per le vacanze del Capodanno cinese.

La giapponese Nissan ha iniziato a rimpatriare il personale da Wuhan. L'italo-americana Fiat Chrysler, l'americana General Motors e la Ford hanno posto delle restrizioni alle loro squadre. Il pioniere dell'automobile elettrica Tesla ha avvertito che il coronavirus potrebbe inficiare sulla produzione del suo nuovo gigantesco impianto di Shanghai.

ELETTRONICA. Il colosso taiwanese Foxconn, leader mondiale nella fornitura di componenti elettronici con diverse unità produttive a Wuhan, riaprirà le sue fabbriche cinesi solo a metà febbraio. Per tenere conto delle incertezze, il principale cliente di Foxconn, Apple, tuttavia, ha fornito una previsione di vendita per il secondo trimestre più ampia del solito, anche se il suo capo Tim Cook ha assicurato di avere fornitori alternativi.