Seul condanna Tokyo a risarcire le schiave del sesso della Seconda guerra mondiale

·2 minuto per la lettura

 

AGI - Un tribunale sudcoreano ha ordinato al governo giapponese di risarcire dodici 'schiave del sesso' della Seconda guerra mondiale. Si tratta di una sentenza storica destinata a suscitare le ire di Tokyo.

In dettaglio, il tribunale del distretto centrale di Seul ha stabilito che il governo giapponese dovrà pagare 100 milioni di won, pari a 91 mila dollari, a ciascuna delle vittime o alle loro famiglie. 

Si tratta del primo caso giudiziario riguardo alle ragazze fatte schiave del sesso dalle truppe di occupazione giapponese che eufemisticamente venivano etichettate come "donne di conforto".     

Tokyo e Seul sono entrambe grandi alleate degli Stati Uniti, ma le loro relazioni sono tese a causa del dominio coloniale giapponese dell'inizio del XX secolo e ulteriormente peggiorate negli anni del governo sudcoreano di centro-sinistra guidato da Moon Jae-in.     

Gli storici ritengono che fino a 200.000 donne, per lo più coreane, ma anche di altre parti dell'Asia, compresa la Cina, furono costrette a lavorare come prostitute per i militari giapponesi durante la Seconda guerra mondiale.     

La sentenza di oggi giunge dopo un processo durato otto anni fa. Da allora alcuni dei querelanti originari sono morti e sono sono stati sostituiti dalle rispettive famiglie.     Tokyo, in questi anni, ha boicottato il procedimento e sostiene che tutte le questioni di risarcimento derivanti dal suo dominio coloniale sono state risolte con il Trattato del 1965 che normalizza le relazioni diplomatiche con i Paesi i vicini.     

Il governo giapponese nega inoltre di essere direttamente responsabile degli abusi di guerra, insistendo sul fatto che le vittime erano state reclutate da civili e che i bordelli militari erano gestiti da privati. La disputa si è inasprita nonostante Seul e Tokyo avessero trovato un accordo nel 2015 volto a risolvere la questione "definitivamente e irreversibilmente" con le scuse giapponesi e la creazione di un fondo da un miliardo di yen per i sopravvissuti.     

Ma il governo sudcoreano di Moon ha dichiarato difettoso l'accordo raggiunto sotto il suo predecessore conservatore e lo ha di fatto annullato, citando la mancanza del consenso delle vittime. La mossa ha portato a un'aspra disputa diplomatica che ha finito per incidere sui legami commerciali e di sicurezza fra i due Paesi.     

Lo stesso tribunale di Seul si pronuncerà la prossima settimana su una causa simile intentata contro Tokyo da altre 20 donne e dalle loro famiglie.