Sfida Renzi-Conte: il premier vuole sostituire Italia Viva, in ballo 400 nomine

sfida renzi conte

C’è tensione tra le forze politiche al governo. In particolare, dopo che Italia Viva ha disertato il Cdm che ha approvato la riforma della Giustizia, il premier si è detto pronto ad andare al voto, ma non prima di autunno. Nella serata di giovedì, inoltre, c’è stato un duro botta e risposta tra Renzi e Conte, terminato con una telefonata del Presidente del Consiglio al Quirinale. Infine, Conte si è confrontato anche con il segretario dem Nicola Zingaretti: la sfida con Renzi potrebbe terminare con la fine anticipata della Legislatura.

LEGGI ANCHE: Prescrizione, Renzi all'attacco: "Conte non è il preside di una scuola"

GUARDA ANCHE: Prescrizione: come funziona in Italia e nel mondo

Prescrizione, sfida Renzi-Conte

Giuseppe Conte ha telefonato a Nicola Zingaretti per discutere la sfida lanciata da Matteo Renzi: Italia Viva ha disertato il Cdm sulla riforma della giustizia. “Un comportamento ingiustificabile”, ha rimarcato il premier, che invita il leader di Iv a chiarire. “Bisogna fare chiarezza una volta per tutte – ha detto Conte -. Renzi rappresenta un fattore di instabilità eccessiva, è diventato una palla al piede per il governo – ha poi proseguito -. Così ci porta tutti a fondo”. Ma Renzi sbotta e invita il Presidente a sciogliere la maggioranza, se è questo ciò che vuole. “Se cade il tuo governo, non se ne fanno altri – avrebbe precisato il segretario dem -. Si va sparati a elezioni e cancelliamo una volta per tutte Renzi”. Infine, la chiamata al Colle.

GUARDA ANCHE: Bonafede: con prescrizione no apocalisse, primi effetti nel 2024

La replica di Renzi

Matteo Renzi non resta in silenzio dietro alle mosse del governo e confida ai suoi di essere “in guerra”: “Ormai siamo in guerra e non ci fermiamo – ha detto l’ex premier -. Io non morirò giustizialista. Magari si creasse un’altra maggioranza, se mi mandano all’opposizione sarò l’uomo più felice della terra. Ma non ci sono i numeri e non è vero che Italia Viva potrebbe smottare”. “Se siamo arrivati a questo punto – ha spiegato ancora l’ex premier -, è perché i dem stanno facendo di tutto per esasperare la situazione. Bastava che si decidesse una sospensione di 6 mesi della prescrizione e tutto sarebbe stato risolto. Invece, quelli vanno dritti per la loro strada”. Infine, Renzi affonda un nuovo attacco al premier: “Conte fa da cameriere e con i 5Stelle non pervenuti per mancanza di un leader”.

LEGGI ANCHE: Prescrizione, tutti contro Renzi. Bonafede: "Italia Viva è isolata"

GUARDA ANCHE: 5 domande su Giuseppe Conte

GUARDA ANCHE: Chi è Matteo Renzi?