Sfogliamondo: il Papa in Canada e il gas

AFP

AGI - Le scuse offerte dal Papa ai nativi del Canada per il male fatto loro dai cristiani e la nuova riduzione delle forniture russe di gas all'Europa sono le due notizie che ricorrono oggi sulle prime pagine internazionali. All'incontro di Francesco con gli indigeni dell'Alberta danno maggior risalto i giornali americani, mentre quelli europei si concentrano di più sulla crisi del gas, e sulle trattative tra i Paesi dell'Ue per definire un meccanismo di risparmio del combustibile in vista di un inverno che si prevede difficile.

WASHINGTON POST

Le “storiche scuse” del Papa ai nativi del Canada sono la notizia che ha maggior evidenza sulla prima pagina del Washington Post, con una fotografia di Francesco che indossa il copricapo indiano di penne, come tutti i rappresentanti delle comunità indigene che lo attorniano. Il pontefice ha compiuto, scrive il giornale, “un tanto agognato atto di riconciliazione in Canada, denunciando il sistema scolastico residenziale ‘catastrofico' del Paese per i bambini indigeni e chiedendo perdono per il ‘male commesso da tanti cristiani'”.

Il Papa, sottolinea il Post, è stato applaudito per due volte quando ha pronunciato la parola “sorry” davanti a un gruppo di sopravvissuti delle scuole residenziali, e questa visita, definita dallo stesso Bergoglio penitenziale, in Canada “rappresenta una significativa rottura con la norma dei viaggi pontifici all'estero, in cui la celebrazione e l'evangelizzazione tendono ad essere gli obiettivi centrali”.

Tra le altre notizie, spazio all'esecuzione di quattro dissidenti nel Myanmar, al boom di vendite della Daniel Defense, produttrice del fucile d'assalto usato nella strage di Uvalde, e al referendum che si terrà a giorni nel Kansas sulla norma della costituzione statale che garantisce l'aborto e che potrebbe essere abrogata sull'onda della recente svolta restrittiva della Corte suprema. Un lungo servizio approfondisce la situazione dei giovanissimi che dichiarano a scuola di voler essere considerati di un genere diverso: sono considerati a maggior rischio di suicidio o tossicodipendenza e per questo la maggior parte delle scuole pubbliche non comunicano ai genitori che il loro figlio è transgender.

NEW YORK TIMES

Il “dolore” del Papa per la “brutalità” di cui sono stati vittime gli indigeni del Canada è il titolo di apertura del New York Times, che dà risalto, come molte altre testate americane, alle scuse offerte da Francesco “a tutti i nativi americani” per il “male commesso da molti cristiani” contro di loro. In posizione di spalla, il giornale dà rilievo al surriscaldarsi delle tensioni tra Cina e Usa sulla questione di Taiwan, anche a causa del viaggio a Taipei annunciato dalla presidente della Camera dei rappresentanti, la democratica Nancy Pelosi.

Secondo il Nyt, l'amministrazione Biden l'ha sollecitata ad annullarlo, tra crescenti preoccupazioni che “i leader cinesi possano tentare di muoversi contro l'isola entro il prossimo anno e mezzo, forse cercando di bloccare in tutto o in parte l'accesso allo Stretto di Taiwan, attraverso il quale passano regolarmente le navi militari statunitensi”. Il ministero cinesi degli Esteri, infatti, ha nei giorni scorsi ribadito che Pechino ha “sovranità, diritti sovrani e giurisdizione” sullo Stretto.

I “rischi di conflitto o di errori di calcolo” legati al viaggio della Pelosi, secondo funzionari dell'amministrazione citati dal giornale, sono aumentati dal fatto che “il presidente cinese Xi Jinping e altri leader del Partito comunista si preparano a tenere nelle prossime settimane un importante incontro politico in cui si prevede che Xi aumenterà il proprio potere”.

Tra gli altri argomenti in primo piano, l'Ucraina, il vaiolo delle scimmie che si diffonde negli Usa mentre 300.000 dosi di vaccino sono rimaste per settimane in Danimarca prima che Washington ne disponesse la spedizione, e l'inchiesta parlamentare sull'assalto del trumpiani al Campidoglio, con la testimonianza di due collaboratori dell'allora vicepresidente Mike Pence.

WALL STREET JOURNAL

Il Papa in sedia a rotelle prega tra le tombe del cimitero della nazione indiana Cree: è questa la foto che il Wall Street Journal mette in prima pagina, a differenza della maggioranza dei giornali che hanno preferito l'immagine di Francesco col copricapo piumato, come simbolo della visita in Canada per chiedere perdono alle comunità dei nativi vittime delle scuole residenziali, e per “ripudiare appassionatamente”, sottolinea il giornale, il colonialismo dei cristiani.

Il titolo forte è però sulla nuova riduzione dei flussi sul gasdotto Nord Stream 1, con abbassamento della portata ad appena il 20%, annunciata ieri dalla Russia. Gazprom ha sostenuto che ciò si deve a problemi tecnici con una turbina, ma nessuno ci crede e, scrive il Wsj, “funzionari e analisti europei affermano che il presidente russo Vladimir Putin sta usando come un'arma le consegne di gas, con l'obiettivo di vendicarsi delle sanzioni economiche imposte alla Russia e indebolire la determinazione dell'Occidente a fornire assistenza militare e finanziaria all'Ucraina”.

L'effetto immediato è stato l'aumento del prezzo del gas, quello a breve distanza, rileva il giornale, è che “la riduzione pianificata complica gli sforzi dell'Europa per riempire i suoi depositi di gas prima dell'inverno. Senza abbastanza gas nei mesi di maggiore domanda, i governi affermano che probabilmente razioneranno l'energia e che la fragile economia del continente potrebbe sprofondare in recessione”. Resta in primo piano la stagione delle trimestrali delle grandi aziende americane: il titolo è per quella presentata ieri da Walmart, peso massimo della grande distribuzione, che ha ridotto le stime sugli utili perché l'inflazione ha determinato un calo negli acquisti tale da rendere necessarie svendite per smaltire le grandi quantità di merce immagazzinata.

Un “brutto segno per l'economia americana che ha finora retto grazie all'indefessa spesa delle famiglie malgrado l'inflazione”, sottolinea il giornale. Tra gli altri titoli, si segnala un'analisi sulle tendenze dei mercati, secondo tra gli investitori si sta consolidando la sensazione che l'anno prossimo la Fed taglierà i tassi, dopo i ripetuti rialzi di quest'anno mirati a contenere l'inflazione, per far ripartire l'economia indebolita dall'aumento del costo del denaro.

FINANCIAL TIMES

La Russia riduce nuovamente i flussi sul gasdotto Nord Stream 1, e “montano i timori di una stretta sul gas in Europa”. Così dice il Financial Times per principale titolo della sua prima pagina, e avverte che “sulla Germania incombe la recessione”. L'annuncio che la portata della fornitura di Gazprom calerà al 20%, rileva il giornale, è giunto infatti nel giorno in cui l'indice della fiducia delle imprese è sceso al livello più basso da due anni, “un ulteriore segnale che l'economia più grande d'Europa è sull'orlo della recessione”. Cosa di cui gli analisti si attendono una conferma venerdì, quando usciranno a Berlino i dati sul Pil nel secondo trimestre che, secondo le previsioni, registreranno una crescita di appena lo 0,1%.

L'Europa accusa Mosca di usare il gas come arma, e si prepara a fronteggiare un inverno difficile, con stoccaggi ancora lontani dai livelli di sicurezza e la prospettiva si un sempre più probabile razionamento. Perché, secondo gli esperti interpellati da Ft, il taglio delle forniture russe questa volta durerà a lungo. In risalto anche le critiche di politici e ong ai tagli degli aiuti internazionali “non essenziali” appena confermati dal governo britannico, a caccia di risorse da destinare alle misure contro l'inflazione: tagli che, dicono i contrarsi, costeranno vite umane e nuoceranno alla reputazione internazionale del Regno Unito.

THE TIMES

L'aspro duello televisivo tra i due candidati alla leadership Tory, Rishi Sunak e Liz Truss, è in evidenza sulla prima pagina del Times: il confronto è stato acceso e i due rivali sono andati sul personale, titola il quotidiano. Non sono stati ascoltati, sottolinea, gli appelli dei bid del partito a “non danneggiare il marchio” conservatore con una polemica troppo esasperata. Taglio delle tasse, economia e politica estera, riferisce il giornale, sono stati i temi del dibattito tv, in cui spesso Sunak e Truss si sono interrotti, parlandosi sopra. A conferma della durezza dello scontro, il commento su Sunak rilasciato della portavoce di Truss al termine della trasmissione: “Il suo maschilismo, gli strilli da asilo infantile, sono un comportamento disperato, inadeguato, e un regalo al Labour”.

Tra le altre notizie, la siccità che colpisce la Gran Bretagna, dove gli ultimi sei mesi sono stati i più secchi dal 1976, e il bonus da 100.000 sterline accordato al capo della Des, società collegata al ministero della Difesa e incaricata degli approvvigionamenti delle forze armate, malgrado vari rapporti indipendenti abbiano accusato la Des di aver sperperato milioni di fondi pubblici in acquisti di materiali inadeguati.

LE MONDE

La “grande crisi” degli ospedali francesi è l'apertura di Le Monde, che torna sulle crescenti difficoltà delle strutture, già da mesi oggetto di discussione in Francia. “Il sistema ospedaliero è uscito dalla fase critica del Covid, ma attraversa un'altra tempesta, legata al degrado delle condizioni di lavoro”, scrive il giornale, e sottolinea che il problema riguarda soprattutto gli infermieri, il cui salario è basso e non in linea con i loro faticosi compiti. Per questo, aggiunge Le Monde, molti cambiano mestiere e la sanità deve fare i conti con una carenza di personale sempre più acuta, tanto che si moltiplicano i casi di chiusura forzata di reparti e sale operatorie. E il degrado comincia a spingere anche i medici ad abbandonare “a malincuore” la sanità pubblica e passare al privato. Tra gli altri titoli, il tour in Africa che Macron prepara per “rafforzare relazioni indebolite” tra Parigi e il continente dove un tempo è stata potenza coloniale.

LE FIGARO

“Sicurezza e fondi, la corsa a ostacoli delle Olimpiadi di Parigi” titola Le Figaro, che in apertura fa il punto sull'organizzazione dei giochi del 2024: a due anni esatti dalla cerimonia di apertura, “si accumulano i dossier sensibili” e si moltiplicano i problemi, afferma il quotidiano.

Macron ha escluso una “tassa olimpica” e ha ripetuto che le Olimpiadi si devono finanziare da sé con i biglietti. “Mentre il governo e il municipio di Parigi coltivano ancora sogni di grandezza, la Corte dei conti ha appena riportato tutti sulla terra: sicurezza pubblica e sanitaria, cyber e rischi terroristici... è urgente prendere misure e accelerare il passo, avvertono i magistrati. La grande parata fluviale sulle rive della Senna non si può dare per scontata”, scrive il giornale, che evoca il recente “fiasco dello Stade de France”, con il flop della sicurezza alla finale di Champions League, e “il ricordo, non così lontano, del saccheggio settimanale dei gilet gialli”, per argomentare i propri dubbi sull'organizzazione dell'appuntamento olimpico.

EL PAIS

Crisi del gas in primo piano su El Pais, che apre con le trattative in seno all'Ue per definire un piano di risparmi. Bruxelles ha “ammorbidito” la sua proposta a seguito delle pressioni della Spagna e di altri Paesi. L'obiettivo indicato nella bozza è quello di un taglio dei consumi del 15% nel caso di interruzione delle forniture russe, ma il governo spagnolo sta trattando per ottenere un'eccezione, con una soglia più bassa di austerity, tra il 5 e il 10%.

Tra le altre notizie, le trattative che Madrid ha avviato con la casa farmaceutica britannica Orchard Therapeutics, produttrice del farmaco più caro del mondo, il Libmeldy: una dose costa 2,5 milioni di euro, e serve per curare una malattia genetica rara, la leucodistrofia metacromatica, che colpisce ogni anno in Spagna tra i 3 i 5 nuovi nati. Il quotidiano spagnolo inquadra poi in una “competizione per l'Africa” i viaggi nel continente che compiranno nei prossimi giorni nel continente il presidente francese Macron, con tappe in Camerun, Benin e Guinea Bissau, e il ministro russo degli Esteri Lavrov, che sarà in Egitto, Repubblica del Congo, Uganda e Etiopia.

FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG

Il taglio dell'80% delle forniture russe di gas via Nord Stream 1 è in apertura sulla Frankfurter Allgemeine Zeitung, che vede profilarsi una crisi energetica e da giorni mette il tema in prima pagina. Il giornale sottolinea che secondo il governo tedesco “non c'è alcuna ragione tecnica” per la riduzione dei flussi, come sostenuto invece da Mosca, e pone il problema dell'urgente necessità di un accordo europeo.

La Faz mette l'accento sulle dichiarazioni in proposito della presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, che ha sollecitato anche i Paesi meno dipendenti dal gas russo a essere solidali perché le conseguenze di un fermo delle forniture riguarderebbero tutti. In evidenza anche la notizia dell'arrivo in Ucraina dei primi tre carri armati tedeschi Gepard, una consegna che arriva dopo mesi di polemiche sul lungo ritardo di Berlino dell'invio a Kiev degli armamenti promessi, un ritardo che ha attirato sul governo Scholz accuse di essere esitante per non deteriorare troppo i rapporti con Putin.

CHINA DAILY

Le relazioni internazionali della Cina sono un tema in evidenza sul China Daily, che spazia dall'Asia all'Europa mettendo in risalto due notizie: il messaggio di Xi Jinping alla nuova presidente dell'India e l'apertura al traffico di un ponte costruito dalla Cina in Croazia. A Droupadi Murmu, che giovedì ha vinto le presidenziali indiane e si è insediata ieri come capo dello Stato, il leader cinese ha scritto che “relazioni bilaterali sane e stabili sono conformi agli interessi fondamentali di entrambi i Paesi e dei loro popoli e sono anche favorevoli alla pace, alla stabilità e allo sviluppo regionali e mondiali”.

Il quotidiano sottolinea che “da marzo, le relazioni tra Cina e India hanno generalmente mostrato uno slancio verso la ripresa”, e che Xi “ha affermato di essere disposto a lavorare con il nuovo presidente indiano per rafforzare la reciproca fiducia politica, approfondire la cooperazione pratica e gestire adeguatamente le differenze per far avanzare lo sviluppo dei legami bilaterali lungo la strada giusta”.

Per altri versi, il ponte che unisce la penisola di Peljesac a Dubrovnik, “approfondirà le relazioni reciprocamente vantaggiose tra Cina, Croazia e Unione Europea”, secondo l'ambasciatore cinese in Croazia, Qi Qianjin, che ha parlato di “un progetto importante per promuovere le attrezzature, la tecnologia e il know-how cinesi nel settore edile in Croazia e nel mondo”.

QUOTIDIANO DEL POPOLO

Il nuovo monito di Pechino agli Usa su Taiwan spicca sul People's Daily, edizione in inglese dell'organo del Partito comunista cinese. La Cina, avvertito il ministero degli Esteri, “adotterà misure ferme e forti per salvaguardare la sovranità e l'integrità territoriale se gli Stati Uniti insisteranno per portare avanti la potenziale visita della presidente della Camera dei rappresentanti Nancy Pelosi a Taipei”, e “gli Stati Uniti devono assumersi la piena responsabilità per qualsiasi grave conseguenza che ne derivi”.

Il giornale metrte in risalto anche un'altra notizia di politica estera, il messaggio di Xin Jinping al secondo forum Cina-Africa sulla pace e la sicurezza, tenuto ieri dal ministero della Difesa nazionale cinese. La Cina, ha assicurato Xi, “lavorerà con l'Africa per salvaguardare il sistema internazionale con le Nazioni Unite al centro, sostenere l'equità e la giustizia internazionali, promuovere l'attuazione della Global Security Initiative e costruire una comunità Cina-Africa con un futuro condiviso nella nuova era”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli