Sfregiata al volto a Varese: 50enne accusato di tentato omicidio

sfregiata al volto

L’uomo che sabato notte ha aggredito una 15enne a coltellate ha un volto: si tratta di un 50enne che è stato fermato dalle forze dell’ordine con l’accusa di aver accoltellato e sfregiato una ragazzina a Varese. L’uomo è risultato essere una vecchia conoscenza delle forze dell’ordine e sarebbe stato individuato dalla polizia e fermato con l’accusa di tentato omicidio. La giovane avrebbe infatti riportato ferite soprattutto al volto e al braccio.

Sfregiata al volto, fermato un uomo

L’aggressione risale alla notte di sabato e le forze dell’ordine hanno lavorato a lungo per individuare l’aggressore, analizzando le immagini delle telecamere di sorveglianza della zona dove sarebbe avvenuta l’aggressione. Gli investigatori hanno analizzato le urla e le frasi pronunciate dall’aggressore e sono riusciti a confrontare le immagini acquisite con quelle dei pazienti di alcune strutture per patologie psichiatriche del territorio, riuscendo ad individuare con esattezza il sospettato.

Soggetto con precedenti penali

Stando a quanto si apprende dalle forze dell’ordine, si tratterebbe di un uomo con precedenti di lunga data da tempo ricoverato in una casa di cura a causa di problemi psichiatrici. La polizia si è recata nell’abitazione del 50enne dove hanno trovato e sequestrato una bicicletta e gli abiti indossati al momento dell’aggressione della giovane. Gli inquirenti hanno poi individuato anche un coltello, compatibile con le ferite riscontrate sul corpo della giovane: potrebbe dunque trattarsi dell’arma del delitto e gli inquirenti stanno lavorando per avere ulteriori conferme grazie anche ai racconti della vittima, che ha riferito tutto l’accaduto agli agenti di Polizia intervenuti.