Sgarbi contro Vladimix Luxuria: “Non mi devi rompere il ca*zo”

Sgarbi Luxuria Live-Non è la D'Urso

Ospiti di Live-Non è la D’Urso, Vladimir Luxuria e Vittorio Sgarbi hanno avuto un’acceso scontro in merito ad un presunto episodio accaduto diversi anni fa.

Vittorio Sgarbi contro Vladimir Luxuria

Barbara D’Urso ha mostrato in diretta una registrazione in cui il critico d’arte sosteneva di aver visto la Luxuria “battere travestita sulla strada“. Non negando di esserci rimasta male dopo aver sentito quell’esternazione, lei spiega di essersi ricordata di quell’episodio.

Una notte, racconta, stava tornando a casa da un locale quando, da una macchina che si è fermata accanto a lei e ha abbassato il finestrino, ha visto Sgarbi. A quel punto lui l’ha invitata a salire, insieme ad Elenoire Casalegno, anch’ella presente in studio, e lei ha accettato. Ricorda che le fece fare un giro di Roma notturna e che quindi probabilmente ha pensato che in quel momento “mi stava rimorchiando“, ma non era così.

Sgarbi sostiene però che lei stia parlando di un’altra sera, mentre quella a cui lui fa riferimento risale al 1989. Qui, a quanto dice, l’avrebbe trovata sulla strada travestita da donna quando ancora era uomo. Adduce anche che sarebbe stata lei stessa a dichiararlo in un’intervista al Corriere della Sera. A quel punto la Luxuria si infuria, spiegando che è vero, una volta ha avuto un uomo che l’ha pagata, ma che ciò non c’entra niente con quella sera ed è stato un periodo molto difficile per lei. E che comunque del suo passato ne parla lei, lui non ha nessun diritto di trattare un argomento così delicato. “In ogni caso una persona come me deve avere il diritto di camminare per strada senza essere scambiata per prostituta“, aggiunge.

Tra accuse reciproche del calibro di “Hai detto una stron*ata” e “Non mi devi rompere il ca*zo” interviene Vittorio Feltri, presente di fronte agli sferati di Live-Non è la D’Urso insieme a Sgarbi a, incredibilmente, smorzare i toni con la Luxuria. “Anche se hai battuto non sarai mica stata la prima“, ha detto per chiudere la diatriba.