Sgarbi: “La donna tradisce per indole, maniaci sono i monogami”

Vittorio Sgarbi tradimento uomo donna

Vittorio Sgarbi ha curato la mostra “Così fan tutte” allestita in via Dante a Milano ed ideata da Gleeden, il primo sito di incontri extraconiugali. Nel corso della presentazione, il critico d’arte spiega il suo personale concetto di tradimento.

Il tradimento è solo al femminile

“L’amante interessante è la propria, non quella degli altri. L’uomo è cornuto e la donna no. Non è che sono maschilista, arcaico, conservatore. Per me il tradimento è solo al femminile: è una virtù, una prerogativa delle donne e non degli uomini” chiarisce Vittorio Sgarbi, partecipando alla mostra milanese “Così fan tutte”, esposizione che prende il nome dall’opera di Wolfgang Amadeus Mozart.

“L’uomo non ce la fa a tradire, è talmente cog*** che nell’elaborazione del tradimento, gli manca la strategia, lo fa così. Almeno, è quello che io credo, è così come mi sono sempre comportato io” precisa il critico d’arte, che ha curato l’evento ideato da Gleeden, sito di incontri extraconiugali.

“D’altra parte – ricorda – io non mi sono mai sposato, perché credo che la vera forma di ossessione, il vero maniaco sessuale sia il monogamo“.

Sgarbi: “Il vero maniaco è il monogamo”

Le dichiarazioni di Vittorio Sgarbi non mancheranno probabilmente di suscitare qualche polemica, almeno sui social. L’attuale sindaco di Sutri afferma infatti: “Uno che sta con una donna sola deve essere per forza un maniaco perché la ossessiona, la sciupa, la tormenta. – aggiungendo tra il serio ed il faceto – Una persona gentile invece ogni tanto sposta obiettivo“.

“In un mondo maschilista come è stato fino ad oggi la donna tradisce per indole, l’uomo invece lo fa per una specie di istinto animale che lo rende comunque meno responsabile” assicura il 67enne.

Sgarbi quindi puntualizza: “Il tradimento della donna è fisiologico. Una donna tradisce in quanto tale“. Poi sottolinea, anche a scanso di equivoci: “Io non ho fatto in tempo perché vado via prima, non mi fermo abbastanza. Quando l’uomo viene tradito ormai ha perso, io sono l’ultimo combattente in trincea. Anche nella conquista l’uomo è una vittima, ti conquistano alla fine sempre loro”.