Sgarbi lascia Forza Italia perché Berlusconi non è andato a Sutri: "Colpa del suo cerchio magico, gli avevo preparato una sorpresa"

Huffington Post

Sbatte la porta e se ne va, ma ci tiene a precisare: non ce l'ho con Berlusconi, ma con il suo "cerchio magico". Vittorio Sgarbi, critico d'arte e deputato nonché sindaco di Sutri, esce dal gruppo di Forza Italia perché il presidente Berlusconi, atteso proprio nel paese in provincia di Viterbo per l'inaugurazione di una strada intitolata ad Erasmo da Rotterdam, ha annullato la visita. Ma non lui direttamente, sottolinea Sgarbi in un'intervista di Pietro De Leo per Il Tempo:

"Me ne vado da un gruppo infetto. e la mia non è una decisione contro Forza Italia, ma contro il fatto che Maristella (Gelmini, ndr) guidi il gruppo [...] Ieri mattina alle dieci, avevo parlato al telefono con Silvio Berlusconi, il quale era molto contento di venire a Sutri, gli avevo chiesto di venire qua, a parlare di Erasmo, poi fare colazione, e nel primo pomeriggio poteva già rientrare a Roma"

Peraltro, aggiunge Sgarbi, "gli avevo preparato anche una sorpresa": un giardino dedicato a Rosa Berlusconi, la madre del Cavaliere.

"Poi la sera verso le sette e mezzo ricevo una telefonata e mi viene detto che Berlusconi non potrà più essere a Sutri perché c'è una riunione politica l'indomani e poi non si può spostare da Roma per motivi di salute. A parte il fatto che sta benissimo, io obietto che andare a Sutri è come andare a Ciampino o a Fiumicino"

Colpa di Licia Ronzulli, che poi ha scaricato su Niccolò Ghedini, sostiene Sgarbi. Che annuncia il passaggio al Gruppo Misto, dopo aver ricevuto l'invito, subito declinato, ad entrare in Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni.

Continua a leggere su HuffPost