Sgarbi: "Vi spiego perché ero juventino. Io l'unico a difendere Maradona"

Antonio Parrotto
·1 minuto per la lettura

Vittorio Sgarbi, noto critico d'arte, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport 24, raccontando la sua fede calcistica e non solo. Nel ricordo di Diego Armando Maradona, scomparso di recente, Sgarbi ha ricordato un altro grande campione argentino scomparso ormai alcuni anni fa: Omar Sivori.

L'ex attaccante della Juventus aveva fatto innamorare Sgarbi, fino a farlo diventare tifoso della Vecchia Signora. E' lo stesso Sgarbi a raccontarlo: "Non sono stato tifoso di Maradona, ero troppo grande e ne ho visto il mito. Sono stato tifoso di Sivori, era la ragione per cui ero juventino. Ho visto una vecchia registrazione di Maradona, ha detto di essere il più grande senza citare Pelé e Sivori. Per me Sivori è stata potenza e fantasia".

Vittorio Sgarbi | Francesco Prandoni/Getty Images
Vittorio Sgarbi | Francesco Prandoni/Getty Images

Sgarbi ha poi parlato di Diego Armando Maradona, raccontando di essere stato suo amico e di averlo sempre difeso: "Di Maradona sono stato amico, quando hanno iniziato ad attaccarlo ed ero l'unico che lo difendeva. Bartoletti pure, ma Mughini l'ha sempre attaccato. Mi ricordo che l'attaccavano tutti. Tutto discutibile, ma non si può condannare il fuoco che esce".

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Juventus e della Serie A.