Esperto di droga a 8 anni, istruito dal padre boss

webinfo@adnkronos.com

Smantellata dai carabinieri un'organizzazione di narcotrafficanti fra Gioia Tauro e Rosarno. Dalle prime ore di questa mattina è in corso un’operazione dei carabinieri del comando provinciale di Reggio Calabria in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di numerose persone accusate, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. 

L’organizzazione, che aveva base nel territorio della piana di Gioia Tauro, era strutturata in modo capillare e in grado di rifornire di marijuana e cocaina le piazze di spaccio calabresi. A testimonianza della spregiudicatezza criminale di uno degli arrestati, dalle indagini è emerso il coinvolgimento in alcuni aspetti delle attività illecite di un bambino di 8 anni, figlio di uno dei destinatari dell'ordinanza di custodia cautelare. 

Il minore, nonostante la tenerissima età, non solo risulta pienamente a conoscenza delle attività illegali del genitore, ma viene indotto a prendervi parte, suscitando il vivo compiacimento di quest’ultimo. Inquietanti si rivelano, in particolare, i contenuti dei dialoghi monitorati tra padre e figlio, nel corso dei quali il genitore, senza remora alcuna, affronta discorsi inerenti ai traffici di droga ed armi.