Sgominata a Milano banda di ladri, tra loro il killer di Savarino

Red-Alp

Milano, 10 lug. (askanews) - I poliziotti della squadra mobile meneghina hanno posto in stato di fermo tre pregiudicati di origine rom accusati di far parte di una banda di ladri acrobati che svaligiava lussuosi appartamenti del centro di Milano. Tra loro c' anche il 26enne Remi Nikolic, che il 12 gennaio 2012, ancora minorenne, invest e uccise il vigile Nicol Savarino in piazza Emilio Alfieri, e per questo fu condannato a 9 anni e 8 mesi di reclusione. Gli altri due arrestati sono il 26enne Alen Djordjevic e il 23enne Martin Jovanovic. Il decreto di fermo stato emesso dal sostituto Francesca Crupi con il procuratore Laura Pedio.

I furti di denaro, gioielli ed effetti personali per un valore complessivo di oltre 200mila euro, sarebbero stati consumati di notte tra febbraio e marzo scorsi. Per raggiungere gli appartamenti, gli indagati avrebbero forzato i vari punti di accesso e si sarebbero arrampicati lungo le grondaie o calati dai tetti.

Sempre secondo quanto riferito dalla questura del capoluogo lombardo, i tre sono stati rintracciati presso le loro "dimore temporanee", tra cui il campo nomadi di via Fogazzaro 9 a Corbetta (Milano). Nel corso delle perquisizioni, gli agenti hanno sequestrato circa ottomila euro in contanti, un piccolo lingotto in oro, abiti e numerosigioielli tra cui Rolex, Cartier, Bulgari, Tiffany, Gucci e Versace.

Lo scorso febbraio, dopo aver terminato la misura alternativa a cui era stato sottoposto nell'ambito della condanna definitiva a 9 anni e 8 mesi per l'omicidio di Savarino, Remi Nikolic (sempre secondo l'accusa) avrebbe "immediatamente ripreso le attivit predatorie".

Il nostro obiettivo è quello di creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano interagire tra loro sulla base di interessi e passioni comuni. Per migliorare l’esperienza della nostra community abbiamo sospeso temporaneamente i commenti agli articoli.