La rete di pedofili aveva un "listino prezzi"

La polizia postale ha sgominato una rete di pedofili italiani che si scambiava materiale pedopornografico su una nota piattaforma di messaggistica. I video incriminati, realizzati anche da adolescenti, avevano un listino prezzi per la vendita online. L'operazione "Pay to see" è scattata grazie alla segnalazione di due genitori e ha portato a perquisizioni e sequestri in 12 regioni.