A Shanghai riapre il parco Disney. "Ma attenti al troppo ottimismo"

La Cina invita alla cautela dopo la diffusione dei nuovi dati del contagio da coronavirus, ai minimi dall'inizio dell'epidemia, con quaranta nuovi casi accertati nella giornata di ieri e 22 decessi. "Dobbiamo rimanere cauti, non essere ciecamente ottimisti e non dobbiamo accusare affaticamento", ha dichiarato Chen Yixin, segretario generale della Commissione per gli Affari Politici e Legali del Partito Comunista Cinese e alleato del presidente cinese, Xi Jinping, citato oggi dai media cinesi. "Non dobbiamo ridurre la vigilanza contro l'epidemia e i prerequisiti di prevenzione e controllo", ha aggiunto.

Intanto è stata decisa la parziale riapertura del Disney Resort di Shanghai, chiuso il 25 gennaio scorso per i timori di contagio. Riguarda alcune attrazioni di Disneytown, del Wishing Star Park e dello Shanghai Disneyland Hotel, con restrizioni all'ingresso dei visitatori e orari di apertura al pubblico ridotti. È "un primo passo di una riapertura a fasi", segnala Shanghai Disney Resort in una nota diffusa on line. Rimane invece chiusa Shanghai Disneyland.