“Shinratensei98”, alias Vittoria Marabotti, e il successo grazie ai social

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 26 set. (askanews) - Milioni di visualizzazioni. All'improvviso una giovane ragazza umile di 24 anni si ritrova ad essere tra le più richieste sui social, soprattutto su Tik Tok (piattaforma amatissima dalla Generazione Zeta). Ma il cammino di Vittoria è tutto in salita. Una storia scandita dalla gavetta. Infatti, inizia lavorando come cameriera per pagare gli studi all'università (al momento studia ancora mediazione Linguistica), dividendosi tra studio e lavoro. Vittoria è sempre alla ricerca di nuove opportunità e, dopo il secondo lockdown, nell'inverno 2020, decide di aprire Instagram per approdare nel mondo dei social network. Inizialmente, si racconta, le prime fotografie che posta ogni giorno con contenuti fotografici da modella. "Mi piaceva quello che stavo facendo ma non era abbastanza", dice.

Inizia cosi ad avvicinarsi al mondo dei Cosplay, parola macedonia giapponese formata dalla fusione delle parole inglesi costume ("costume") e play ("gioco" o "interpretazione") che indica la pratica di indossare un costume che rappresenta un personaggio riconoscibile in un determinato ambito. Oggi, Vittoria è molto popolare su Tik Tok con milioni di like e conta un account Instagram con oltre 230 mila followers, sempre in crescita.

Il nome o pseudonimo "Shinratensei98" si ispira al mondo degli anime giapponesi ed è la tecnica di uno dei personaggi più iconici del mondo manga di Naruto Shippuden. Grazie a Instagram crea connessioni con una community amante di questo settore , condividendo amicizie online, alcune concretizzare poi nella vita reale. E' Instancabile anche nello sport, fin dalla età di 5 anni frequenta diverse scuole di ballo. Aperta da poco al nuovo social network "Tik Tok" sta collezionando milioni di like e migliaia di visualizzazioni da un gruppo sempre più numeroso di follower e utenti. La sua speranza? Ampliare la propria community e farsi conoscere in tutta Italia.

Di Rudy Cifarelli