Si è auto accusato dell’omicidio della 37enne consanguinea ma non ha spiegato il perché

·1 minuto per la lettura
Lucrezia Di Prima
Lucrezia Di Prima

Dopo che la 37enne catanese Lucrezia Di Prima è trovata accoltellata a morte il fratello Giovanni Francesco ha confessato il delitto ma non ha ancora dato un vero perché a quell’esplosione di violenza.

Lucrezia accoltellata a morte: confessa il fratello Giovanni Di Prima

Il 22enne consanguineo della vittima, con cui viveva a San Giovanni La Punta in casa dei genitori, si è auto accusato dell’ennesimo femminicidio ma non ha dato un movente. L’accoltellamento mortale di Lucrezia era avvenuto fra il paese e le campagne di Nicolosi, sulle pendici dell’Etna.

Il fratello di Lucrezia confessa: “L’ho accoltellata in campagna a Nicolosi”

Lì il corpo della 37enne era stato trovato in un lago di sangue. E a guidare i carabinieri sul luogo del delitto è stato proprio il fratello della vittima, solo Giovanni per gli amici. Ai militari della territoriale il 22enne ha raccontato di quel delitto nel corso di un lungo interrogatorio innescato da alcune sue iniziali incongruenze.

Accoltellata per ora senza un perché: il fratello confessa di aver ucciso Lucrezia

Alla fine ha ammesso il femminicidio commesso con un’arma da taglio che ha centrato anche la gola di Lucrezia e ha spiegato dov’era il corpo: alla fine di una stradina laterale nella campagna etnea di Nicolosi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli